Martedì 21 Novembre 2017

Ariminum CRI Camp 2017: Formarsi Condividendo

Domenica 16 Luglio 2017 - Rimini
Lezione di rianimazione, un momento delle attività dell'Ariminum Cri Camp 2017

Si conclude oggi, 16 luglio la settimana formativa organizzata dalla Croce Rossa riminese

11 Corsi organizzati, 10 Regioni partecipanti, circa 200 iscritti, circa 50 docenti: sono questi alcuni numeri della settimana riminese della Croce Rossa Italiana, che si è svolta all'interno della Scuola Elementare della locale Via Casti, la cui sede è stata gentilmente concessa dal Dirigente Scolastico Cristian Montanari e che si concluderà oggi, 16 luglio, dal titolo “Ariminum Cri Camp”.

 

Come è ormai consuetudine (è il 4° anno consecutivo che la Croce Rossa riminese si propone a livello nazionale n.d.r.), la mattinata del sabato, 15 luglio, è stata dedicata all’assemblea plenaria, momento importante per confrontarsi anche con alcuni ospiti esterni.

 

È stata Rita Rolfo, Vice Presidente della CRI locale con delega alla formazione, ad aprire i lavori richiamando l’attenzione sul ruolo fondamentale della formazione, strumento indispensabile per un approccio professionale ad un’attività di volontariato che si esprima attraverso la conoscenza e le competenze. Gabriele Bianco, componente del direttivo della CRI riminese e responsabile del Campo, ha poi illustrato modalità e difficoltà della complessa macchina organizzativa e si è soffermato su alcuni corsi “novità” dell’edizione 2017 - tra i quali il corso propedeutico Pet terapy (o interventi assistiti con gli animali) e il corso Face painting (da molti conosciuto con il termine riduttivo di “truccabimbi”) - sottolineando, in particolare, l’attuazione del corso NBCR (Nucleo batteriologico chimico e radiologico) che richiede particolari spazi e attrezzature, oltre ad un impegno particolarmente selettivo.

 

Il saluto per conto del Prefetto di Rimini è stato portato dal Viceprefetto Aggiunto Giuseppe Puzzo il quale, dopo aver manifestato apprezzamento per l’iniziativa e per l’attività svolta dalla Croce Rossa, si è soffermato sull’importante contributo offerto dalla Croce Rossa locale in relazione alla gestione dei flussi dei migranti nel territorio provinciale.

 

A chiudere gli interventi è stato l’assessore del Comune di Rimini Mattia Morolli - che ha salutato anche a nome del Sindaco e dell’intera Giunta -, il quale ha evidenziato l’importanza della scelta logistica di tenere una settimana di formazione proprio in una scuola, luogo deputato all’insegnamento. L’assessore, nel ringraziare per l’importante iniziativa tenuta nel territorio del Comune, ha altresì sottolineato come la “coperta” necessaria per gli eventi riminesi, piccoli o grandi che siano, “non sia mai corta” proprio grazie al professionale contributo offerte da associazioni come la Croce Rossa Italiana, che si esprime attraverso persone che acquisiscono competenze da poter spendere in attività per la comunità.

 

Presenti alla partecipata assemblea plenaria, anche il Capitano di Corvetta Antonio Gaudino della Capitaneria di Porto, il Tenente della Guardia di Finanza Andrea Sarrafiore e il Vicepresidente del Coordinamento volontari di protezione civile Gabriele Bartolini, i quali hanno portato il saluto dei rispettivi Comandanti e presidente.

 

Una settimana intensa quella vissuta dai circa 200 partecipanti ai corsi, i quali hanno manifestato gratitudine anche per l’opportunità di condividere molti momenti di convivialità e di serena convivenza attraverso gli strumenti tipici del campo, dallo stare sotto le tende ai pasti con cucina da campo e mensa. Al rientro in Campania, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana, Veneto, Trentino Alto Adige e, naturalmente, Emilia Romagna, porteranno certamente anche “un pezzo di Rimini”. 

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it