Lunedì 22 Gennaio 2018

Aereoporti, Confindustria Romagna: Per crescere occorrono concorrenza leale e collaborazioni

Giovedì 11 Gennaio 2018

Come industriali abbiamo affermato in più occasioni quanto sia inutile e rischiosa per la crescita del nostro territorio una “guerra dei cieli”. Ribadiamo ancora una volta che per gli aeroporti, oggi più che mai in un momento di rilancio dopo i lunghi anni di crisi, è necessario adottare una linea di sinergie, di collaborazioni e di concorrenza leale, con un coordinamento unico e ben strutturato, sia a livello provinciale sia regionale. L’unica soluzione è fare sistema

In questo senso per il Marconi di Bologna, vicino alla congestione visti gli 8,2 milioni di passeggeri del 2017, lo scalo della Romagna attualmente operativo, il Fellini di Rimini, rappresenta ancora di più una risorsa indispensabile e non da saccheggiare. Non possiamo più rischiare di ripetere gli errori del passato ricadendo nel vortice di inutili sprechi che ci ha portato ad esiti drammatici. Cogliamo inoltre l’occasione per ricordare quanto come imprenditori crediamo fortemente nel sistema Romagna. Un’area vasta che può e deve crescere per essere competitiva e attrattiva a livello internazionale. Il nostro territorio è caratterizzato da un'ampia rete d'infrastrutture attive (porto di Ravenna, la Fiera di Rimini, l’aeroporto Fellini, i Palacongressi) in grado di integrarsi fra loro e garantire servizi importanti per tutta l’Emilia-Romagna. Senza dimenticare il valore aggiunto del nostro capitale sociale, caratterizzato da intraprendenza, forte spirito di accoglienza e grande voglia di fare. La Romagna in primis deve stringersi intorno alle sue risorse principali, ma allo stesso tempo la Regione deve sostenerla evitando inutili lotte fratricide. Per ottenere il massimo sviluppo del territorio istituzioni, associazioni di categoria, cittadinanza devono viaggiare verso questa unica direzione.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it