Martedì 23 Ottobre 2018

Il sindacato Ugl protesta dal prefetto di Forlì-Cesena: "Il sindaco Drei ci discrimina"

Mercoledì 14 Febbraio 2018
Filippo Lo Giudice, segretario generale Ugl, e il prefetto di Forlì-Cesena, Fulvio Rocco de Marinis

Filippo Lo Giudice, segretario provinciale di Forlì-Cesena-Rimini, ha portato le sue doglianze nella sede del palazzo del governo in piazza Duomo: "Mai ricevuti in oltre 4 anni. Pronta una lettera di diffida per Anci e Ministero del Lavoro"

Intanto ha incontrato il prefetto, poi ha pronta una lettera di diffida che sara' spedita all'Anci e al ministero del Lavoro. Va avanti la protesta del segretario generale di Ugl Forli'-Cesena e Rimini, Filippo Lo Giudice, che accusa il sindaco di Forli', Davide Drei, di discriminare il sindacato escludendolo da ogni confronto e consultazione da quattro anni. Stamani, infatti, Lo Giudice ha portato le sue doglianze al prefetto di Forlì-Cesena, Fulvio Rocco de Marinis. 

"Il sindaco di Forli' discrimina il sindacato", dice chiaramente il segretario dell'Ugl, ricordando che Drei "da piu' di quattro anni ma non s'e' mai degnato di riceverci. Pur di fronte a nostre reiterate, protocollate e formali richieste". Ugl ha infatti chiesto un confronto con il primo cittadino "per dare corso alle proposte avanzate dal nostro sindacato, come la cabina di regia su lavoro, che lo stesso Drei aveva apprezzato, se non accolto con una 'sostanziale convergenza' quando partecipo' alle nostre consultazioni dei candidati alle amministrative del 2014", si arrabbia Lo Giudice.

"E questa condotta e' inqualificabile, tanto piu' che lo stesso Drei, ogni anno, in fase di stesura di bilancio accoglie i segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil e divulga unitariamente misure sociali ed economiche da attuare. Questa e' una discriminazione inaccettabile e come tale protestiamo fermamente", ribadisce il segretario Ugl romagnolo. "Il sindaco nello svolgimento delle sue funzioni deve rappresentare tutta la comunita', forze sociali, economiche e sindacali", e quindi il suo comportamento "qualifica negativamente la sua caratura politica e istituzionale", conclude il segretario generale di Ugl Forli'-Cesena e Rimini, vedendosi "costretto a ripiegare in due casi soltanto dal 2014 ad oggi sugli assessori Montaguti, Zanetti e Ravaioli".

Da parte sua il sindacato Ugl Forlì-Cesena e Rimini rilancerà in questi giorni le proprie proposte su lavoro, contrasto alle crisi aziendali e nuovo welfare ai candidati alle elezioni politiche del 4 marzo.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it