Sabato 15 Dicembre 2018

Costringeva alla prostituzione in un residence di Rivabella la convivente: arrestato 28enne

Sabato 10 Marzo 2018

L'uomo si trovava in quel residence beneficiando dell'esecuzione di una pena detentiva pregressa al proprio domicilio concessa dall'Autorità Giudiziaria

Nell’ambito delle attività investigative svolte dalla Squadra Mobile di Rimini sul favoreggiamento e lo sfruttamento della prostituzione di cittadini albanesi che inducevano le loro connazionali al meretricio, nel pomeriggio di ieri venerdì 9 marzo, è stato arrestato un uomo di origine albanese di 28 anni, al quale in precedenza l’Autorità Giudiziaria aveva concesso il beneficio dell’esecuzione di una pena detentiva pregressa al proprio domicilio, che nella circostanza era un residence in zona Rivabella.

Le indagini hanno permesso di accertare che l’uomo, approfittando della sua permanenza forzata nella struttura recettiva, aveva costretto la propria compagna e convivente, di cittadinanza albanese, a prostituirsi  facendole ricevere i clienti in un’altra stanza del residence

Su richiesta della Squadra Mobile, l’Ufficio di Sorveglianza di Bologna e la Procura della Repubblica di Pavia hanno revocato il beneficio dell’esecuzione della pena al proprio domicilio, disponendo la carcerazione del cittadino albanese. L’uomo, un disoccupato con precedenti per detenzione di sostanze stupefacenti, ricettazione, furto aggravato ed immigrazione clandestina, al termine delle formalità è stato portato alla Casa Circondariale di Rimini, ove sconterà il residuo di pena.

Sono in corso ulteriori approfondimenti sulle circostanze del reato accertato, sul coinvolgimento di altre persone e sulla struttura alberghiera teatro dell’attività di prostituzione.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it