Martedì 11 Dicembre 2018

CICLISMO / Presentate a Riccione le tappe romagnole del Giro d'Italia Giovani Under 23

Venerdì 13 Aprile 2018 - Riccione
Sportivi e amministratori locali alla presentazione di Riccione

La corsa permetterà ai migliori talenti italiani di confrontarsi con il gotha del ciclismo internazionale, su un percorso che legato alla storia, alla cultura e alle bellezze paesaggistiche.

Presentate a Riccione le prime quattro tappe del Giro d’Italia Giovani Under 23. L’Emilia-Romagna è l’unica Regione italiana ad essere toccata per il secondo anno consecutivo dalla gara. Cresce l’attesa per la più prestigiosa corsa a tappe per ciclisti Under 23, in programma dal 7 al 16 giugno: Forlì, Riccione, Nonantola, Sestola e Rio Saliceto sono i Comuni che ospiteranno partenze e arrivi nei primi quattro giorni del Giro d’Italia Giovani (7-10 giugno), prima di proseguire verso Lombardia, Trentino e Veneto.



Partirà dalla Romagna il Giro d’Italia Giovani, la più prestigiosa corsa a tappe internazionale per ciclisti Under 23 nel nostro Paese. Le prime tappe, che interesseranno il territorio, sono state presentate venerdì 13 aprile, al Palazzo del Turismo di Riccione, alla presenza del sottosegretario alla presidenza della Regione Emilia-Romagna, Andrea Rossi; del sindaco di Riccione, Renata Tosi; del sindaco di Forlì, Davide Drei; del Commissario Tecnico della Nazionale italiana di ciclismo, Davide Cassani; del presidente del Comitato regionale Emilia-Romagna della Federazione Ciclistica Italiana, Giorgio Dattaro, e del direttore generale del Giro d’Italia Under 23, Marco Selleri.

L’Emilia-Romagna sarà l’unica regione italiana ad essere toccata per il secondo anno consecutivo dalla gara, che vedrà i migliori talenti italiani confrontarsi con il gotha del ciclismo Under 23 internazionale e che si svolgerà dal 7 al 16 giugno. Continua a crescere l’attesa per questo appuntamento che vedrà i migliori talenti italiani confrontarsi con il gotha del ciclismo internazionale. Quest’anno saranno quattro le Regioni attraversate dal Giro d’Italia Giovani Under 23 (Emilia-Romagna, Lombardia, Trentino e Veneto), una in più rispetto al 2017 (Emilia-Romagna, Marche e Abruzzo).

Mancano meno di due mesi dal via ufficiale, in programma giovedì 7 giugno, quando Forlì ospiterà il cronoprologo individuale totalmente pianeggiante di 4,7 km. Venerdì 8 giugno, tappa in gran parte pianeggiante di 137,7 km da Riccione a Forlì. Da lì in poi, la gara proseguirà in Emilia, Lombardia, Trentino e Veneto.

Nel corso delle sue 40 edizioni, a partire dal 1970, il Giro d’Italia Under 23 ha lanciato alcuni dei più grandi professionisti degli ultimi decenni: da Moser a Battaglin, da Baronchelli a Corti, da Konyshev a Belli, da Casagrande a Simoni, senza dimenticare Marco Pantani che in tre anni arrivò 3°, poi 2° e infine 1°. L’Emilia-Romagna è la Regione di provenienza di molte delle persone che hanno dato impulso al rilancio del Giro d’Italia Giovani Under 23, capaci di coinvolgere tutti gli attori protagonisti con entusiasmo e coinvolgimento. Un progetto sviluppato grazie all'impulso e all'impegno del Commissario Tecnico Strada Professionisti e Coordinatore delle Squadre Nazionali Davide Cassani, anche lui romagnolo, e voluto fortemente dal Presidente della Federazione Ciclistica Italiana Renato Di Rocco.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it