Sabato 19 Gennaio 2019

Al via l’intenso programma di opere pubbliche del primo semestre 2019 tra cantieri e gare

Martedì 8 Gennaio 2019 - Rimini

Edilizia culturale, edilizia sportiva, cimiteri, eppoi, riqualificazione e valorizzazione della città, sono queste le aree dei cantieri in procinto di partire in questi primi giorni del 2019, per poi affrontare nel mese di giugno, con la chiusura estiva e la sospensione dell’attività didattica, tutto il tema delle manutenzioni delle scuole comunali e in generale, dell’edilizia scolastica.


Tra questi, è sicuramente l’insieme di interventi per la realizzazione del Museo Fellini ad avere un maggior rilievo, in stretta continuità e connessione con il vasto e ambizioso programma di riqualificazione della città e del suo patrimonio storico artistico che, nel corso del 2018, ha registrato quattro eventi eccezionali come l’inaugurazione del Teatro Amintore Galli, l’inaugurazione della Casa del Cinema Fulgor, la conclusione degli interventi di riqualificazione del bacino del Ponte di Tiberio 3 e 4, denominati “Piazza sull’Acqua” e “Porto Antico”, il completamento delle prime due parti dell’intervento di riqualificazione di Castel Sismondo, ovvero della “Corte a Mare” e, proprio alla vigilia delle festività natalizie e di fine anno, l’apertura al pubblico dell’area del “Giardini del Castello” che sarà conclusa nelle prossime settimane con la realizzazione del chiosco bar e della rampa pedonale di collegamento con Via Circonvallazione.

Il 2019 sarà dunque l’anno del Museo Fellini, finanziato dal Mibac per un importo di 12 milioni di Euro, per la realizzazione di altri stralci: in questi primi sei mesi è prevista la realizzazione delle opere propedeutiche di riqualificazione Via Circonvallazione Occidentale con nuova pavimentazione, nuove alberature e impianto di illuminazione pubblica nonché la realizzazione degli Accessi al Castello (Campone) con la riqualificazione a verde dell’area e valorizzazione dell’antico fossato. In questo mese entrerà nel vivo la progettazione degli allestimenti e installazioni sui tre assi previsti di Castel Sismondo, Fulgor - Casa del cinema e CircAmarcord, attraverso tavoli tecnici monitorati periodicamente da un comitato tecnico scientifico - costituito da esperti e affermati professionisti delle varie discipline coinvolte nel percorso di progettazione del Museo -, e da un advisor, a supporto della stazione appaltante per i vari aspetti tecnico-progettuali e realizzativi.

Il 2019 sarà dunque l’anno in cui non solo si entrerà nel cuore della realizzazione del museo internazionale dedicato ad uno dei geni della cinematografia mondiale per giungere pronti all’appuntamento del 2020 quando, con la conclusione dei lavori, cadrà il centenario della nascita di Federico Fellini, ma anche di quell’idea di città che, con una sfida culturale unica, è impegnata a organizzare e mettere in rete un inedito, enorme patrimonio di luoghi riqualificati potenzialmente in grado di attrarre in città centinaia di migliaia di nuovi viaggiatori. Fa parte a pieno titolo di questo progetto la valorizzazione dei Palazzi Podestà e Arengo della Città destinati, in partnership con la Fondazione San Patrignano ad ospitare il nuovo Museo Arte Moderna e Contemporanea. Interventi che partiranno proprio in questi primi mesi in cui accanto a quello della valorizzazione degli edifici culturali e identitari partirà anche quello sinergico della riqualificazione dell’impiantistica, finanziato in parti con Fondi Por Fesr. L’intervento ammonta a circa 2 milioni di Euro. Da segnalare in questo ambito anche due importanti interventi come quello per la restituzione di uno dei luoghi storici identitari della città come porta Galliana, in cui si stanno completando gli scavi archeologici sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza e si proseguirà poi con lo spostamento dei sottoservizi e la successiva valorizzazione dell’antica Porta di accesso alla Città.

Si proseguiranno i lavori anche in un altro contenitore culturale, l’ex Cinema Astoria, per il quale è previsto nei prossimi mesi il rifacimento della copertura e la ristrutturazione del bar interno. Accanto a quella culturale, l’edilizia sportiva. Otto gli interventi prioritari al via che, oltre a quelli diffusi in diverse palestre comunali scolastiche per l’adeguamento antincendio, riguarderanno il rifacimento fondo pattinodromo di via Aleardi, della palestra Carim, della palestra Rinaldi – Flavia Casadei, della palestra Di Duccio, nonché il rifacimento fondo pista ciclo - podistica delle Celle. Oltre a questi interventi assumono particolare significato sia il restauro storico della facciata dello Stadio Comunale Romeo Neri, che va a integrare e completare un impegno che anno dopo anno ha visto l’Amministrazione comunale investire e realizzare pezzi importanti dell’impianto principe cittadino, e la realizzazione del nuovo impianto sportivo Rivabella per il gioco del rugby e baseball.

Diversi gli interventi in programma sia per la manutenzione straordinaria del verde pubblico, sia per l’ abbattimento delle barriere architettoniche, così come partiranno o proseguiranno gli interventi previsti sui cimiteri, sia quello civico monumentale, su cui anno dopo anno, l’amministrazione stia intervenendo con costanza attraverso interventi di restauro e valorizzazione delle parti storiche, sia di quello di Sant’Aquilina. Sarà alla fine del primo semestre del 2019 che prenderà avvio l’attività di manutenzione di numerosi edifici scolastici, in modo da non interferire con i lavori nella ordinaria attività didattica degli istituti. Da giugno l’intervento principe sarà quello che vedrà nascere una nuova scuola a energia quasi zero, il nuovo plesso Montessori. Una nuova struttura che avrà un costo di 2.700.000 euro, cofinanziato al 50% dal MIUR, che, per la scelta di materiali e arredi naturali riciclabili e innovativi, sarà una scuola ecologica a tutto tondo, capace di ospitare i ragazzi in un ambiente sano e sostenibile, capace di caratterizzarsi per la flessibilità degli spazi, ad energia ‘quasi zero’ (nearly zero Energy building), è soprattutto sicura.

Proseguiranno inoltre gli interventi di messa in sicurezza sismica sul patrimonio scolastico, in continuità con l’insieme delle opere che l’Amministrazione Comunale sta portando avanti da diversi anni. In partenza interventi poi sia per la scuola di Santa Giustina che per le Rodari, così come già in questi primi mesi del 2019 è programmato l’inizio dei lavori di ristrutturazione del fabbricato via De Warthema che ospitava la stamperia comunale. Sul fronte del Settore Infrastrutture, Mobilità e Qualità ambientale, da segnalare in questo primo semestre l’avvio dei lavori che permetteranno attraverso una piattaforma software chiamata Traffic Management Advanced Control System, la gestione e controllo dell’allagamento sottopassi. Oltre ad una serie di funzioni di controllo, come la presenza delle acque sulla strada, la presenza di tensioni di rete, lo stato di funzionamento delle pompe, il sistema Mosys permetterà di bloccare gli accessi in presenza di livelli eccessivi di acqua nel fondo stradale provocata da notevoli precipitazioni meteoriche, attivando automaticamente le segnalazioni luminose agli imbocchi del sottopasso e inviando segnalazioni per avvertire dell’emergenza in atto.

Del sistema, che dotato di due telecamere live consente di monitorare visivamente la situazione del sottopasso, saranno dotati cinque sottopassi cittadini e precisamente quelli di Via Curiel/Via Genghini a Viserba, di via Iolanda Cappelli alle Celle, di via Tripoli, di via Martinelli - via Costantinopoli, di via Cavalieri di Vittorio Veneto entrambi a Miramare. Sempre a Miramare nelle prossime settimane è previsto il completamento dei lavori di via Mosca mentre riprenderà l’intervento per la realizzazione del collegamento di via Aldo Moro nel quadro della realizzazione della nuova rotatoria sulla Statale 16 per il collegamento coi Padulli che, con la ciclabile di via Coriano (dal costo di un milione di euro), è uno dei due interventi più importanti economicamente in programma in questo primo semestre. Tra le gare di rilievo che saranno avviate in questi primi sei mesi quelle relative al Bando periferie, Parco del Mare (avvio gare per gli stralci 1 e 8, per le parti finanziate su POR-FESR (importo 4.5 milioni), FSC: Rotatoria SS16, collegamento Via Aldo Moro, per accesso quartiere Padulli - 2^ Stralcio per un importo di 2.3 milioni (a carico Stato), Completamento sottopasso Via Portofino (importo 300.000 euro), nonché per una serie di piste ciclabili come quella prevista dalla stazione all’ospedale lungo Via Roma - Ugo Bassi (importo 700.00 euro), la ciclabile su Via Coletti dal deviatore Marecchia al porto canale (importo 450.000 euro), la ciclabile Via Coletti Da Via XXV Marzo al Deviatore Marecchia e dal porto Canale fino alla Stazione che col collegamento ciclabile di Via Sforza, da Via Coletti a Scuola Elementare San Giuliano, e ciclabile Grottarossa porta ad un importo di 877.000 euro.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it