Lunedì 20 Maggio 2019

Traffico Rimini. Il Comune punta sulla mobilità elettrica: almeno venti colonnine di ricarica

Martedì 12 Marzo 2019 - Rimini
Individuate 50 possibili postazioni a Rimini per l'installazione dei dispositivi di ricarica (foto d'archivio)

Lanciata manifestazione di interesse per invitare le imprese a presentare proposte progettuali per la creazione di una rete: già individuate 50 possibili postazioni

Rimini punta sulla mobilita' elettrica. Il Comune lancia infatti una manifestazione di interesse per invitare le imprese a presentare proposte progettuali per la creazione di una rete di colonnine di ricarica. L'obiettivo, spiegano da Palazzo Garampi, e' "creare una infrastruttura capillare, efficiente, moderna e interoperabile di colonnine di ricarica installate su suolo pubblico, incentivando anche l'innovazione e la proposta di progetti innovativi sul fronte dei servizi di mobilita'".

Sono state individuate 50 possibili postazioni per l'installazione dei dispositivi di ricarica, posizionate in linea generale sugli assi della viabilita' piu' importanti: i lungomari, via Flaminia, via della Fiera, viale Tiberio, via Roma, Bramante, e vicino ai grandi parcheggi. L'operatore dovra' installare almeno 20 postazioni di ricarica a scelta tra quelle individuate dal Comune, in aggiunta alle 20 potra' indicare altre postazioni tra quelle indicate o con localizzazione diversa che dovra' comunque essere valutata dall'amministrazione. Verra' data priorita' alle proposte di sviluppo e gestione del servizio piu' vantaggiose in relazione alla completezza della fornitura e del servizio offerto, nonche' in relazione ai minori costi proposti a carico degli utenti finali.

Gli operatori avranno 35 giorni di tempo a decorrere dall'8 marzo per far pervenire le loro proposte. Con questo avviso, conferma l'assessore alla Mobilita' Roberta Frisoni, si punta a "fare un salto di qualita' alla citta' all'insegna dell'innovazione e dell'integrazione tra energia e mobilita'"

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it