Mercoledì 26 Giugno 2019

La Capitaneria di Porto di Rimini ha incontrato gli studenti per promuovere la cultura del mare

Giovedì 11 Aprile 2019 - Rimini
Nella foto l'incontro tra gli studenti e il personale della Capitaneria di Porto

Si celebra oggi la seconda edizione della “Giornata del Mare e cultura marinara”, ricorrenza istituita con la legge di riforma al Codice della Nautica da diporto nel 2018 e celebrata in tutta Italia con l’intento di promuovere la cultura marinara e il concetto di cittadinanza del mare, sensibilizzando e educando soprattutto le giovani generazioni al rispetto del mare.


La Capitaneria di Porto di Rimini ha coinvolto alcuni classi dell’Istituto Scolastico “Decio Raggi” di Rimini in un’attività di promozione e sensibilizzazione volta a valorizzare il rispetto e la conoscenza del mare inteso come risorsa di valore culturale, scientifico, ricreativo ed economico. Il personale militare del Comando di Rimini, con il prezioso contributo della Fondazione Cetacea Onlus di Riccione, ha tenuto presso l’Istituto Scolastico un incontro con gli studenti coinvolti sulle tematiche dei compiti istituzionali del Corpo, la sicurezza del mare e le principali problematiche ambientali.

Inoltre, nell’ambito del progetto “Legalità e Sicurezza sul lavoro” – coordinato dall’I.N.A.I.L. locale – il personale della Capitaneria di Porto di Rimini ha tenuto agli studenti delle scuole secondarie superiori, una lezione vertente sulla “sicurezza e tutela della salute del mare”, preziosa occasione per sviluppare le tematiche di sicurezza a bordo delle navi con le giovani generazioni. Infine, anche in occasione della manifestazione “Emerge Rimini”, organizzata dalla Protezione Civile, che si terrà nell’area portuale di Rimini nei giorni 13 e 14 aprile, il personale della Guardia Costiera continuerà la sensibilizzazione della cittadinanza alla cultura del mare, inclusa la consapevolezza dell’importanza della sicurezza in mare.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it