Giovedì 27 Giugno 2019

Droga. Arrestati due spacciatori al parco Marecchia da poliziotti in borghese

Venerdì 7 Giugno 2019 - Rimini

Nella serata di ieri due poliziotti della Questura di Rimini hanno arrestato due giovani albanesi per il reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio del tipo eroina. Alle ore 18.45 gli agenti mentre vigilavano il parco Marecchia, in prossimità del Ponte Tiberio, hanno notato tre giovani nascosti tra la vegetazione. 


Posizionatisi in un punto dove potevano osservare i giovani senza essere a loro volta visti, gli agenti hanno notato un ragazzo che si è avvicinato al gruppo dei tre giovani e dopo aver parlato con loro, uno dei tre, poi identificato per E.H., si è allontanato dirigendosi all’ingresso del parco continuando ad osservare in giro. A quel punto uno dei due poliziotti senza destare sospetto si è allontanato cercando di avvicinarsi al gruppo senza farsi scorgere per vedere più da vicino cosa stessero facendo; proprio durante questa fase, E.H., capendo che l’altro operatore era un appartenente alla Polizia ha urlato “Polizia, Polizia, Polizia”. In questo modo ha richiamato la loro attenzione per farli allontanare dato che erano stati raggiunti da un giovane acquirente.

Grazie alla sua pluriennale esperienza operativa l’altro poliziotto, prima ancora che il collega venisse scoperto, si era accorto che uno dei 3 giovani spacciatori, K.D., aveva ricevuto del denaro, dopo la consegna di un involucro di cellophane di colore bianco al giovane acquirente. Durante lo scambio il poliziotto si è qualificato intimando l'alt. Vistosi scoperto, il ragazzo, che stava cedendo la sostanza, ha gettato l’involucro di cellophane tra la vegetazione (successivamente recuperato dall’operatore) ed insieme agli altri due è fuggito.

I due agenti grazie alla prestanza fisica sono riusciti a fermare due dei tre spacciatori. Determinante per catturare uno dei due è stato anche l’intervento del Dirigente dell’UPGSP, il quale dalla radio nel suo ufficio, sentendo dell’intervento, è corso ad aiutare i suoi uomini ad arrestare questi spacciatori. Una volta fermati i due sono stati identificati e perquisiti e addosso sono stati rinvenuti più di 1000,00 euro, 4 cellulari, 2 gr. di eroina, e diverse buste di plastica del tipo utilizzato per il confezionamento delle dosi  I giovani non sono stati in grado di fornire spiegazioni né sul denaro in loro possesso, data la mancanza di un lavoro, né sulle ingenti somme di denaro rinvenute.

I due sono arrestati e nella mattinata odierna sono stati sottoposti a giudizio direttissimo.

 

 

 

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it