Le Rubriche di RiminiNotizie - L'opinione

Saini (pres. Energia Nazionale): Il settore Oil & Gas ha una grande occasione per ripartire, ora battaglia comune per il Paese

Più informazioni su

Con la decisione di ieri, 26 agosto, sulla riammissione di alcuni emendamenti al DL Semplificazioni, il settore Oil & Gas ha una grande occasione per ripartire. Ci sono emendamenti diversi, ma dello stesso spirito, che vanno nella direzione di sbloccare il settore della ricerca e produzione di idrocarburi, nella logica di diminuire l’impatto ambientale ed il rischio delle importazioni e di ridurre la bolletta energetica.
Si tratta di una scelta per l’ambiente e per i lavoratori di una intera filiera industriale: sganciare il PITESAI dalla moratoria vuol dire consentire ai progetti già avviati di andare avanti, mantenere ed ampliare la base occupazionale e l’indotto, garantendo al Ministero dello Sviluppo Economico i tempi necessari per un lavoro serio e preciso sul PITESAI. Allo stesso tempo si ridurrebbe il ricorso alle onerose e ambientalmente rischiose importazioni.
Per questo chiediamo una forte convergenza politica e sociale attorno ai temi posti dagli emendamenti presentati da Stefano Collina del PD, da Paolo Arrigoni della Lega, da Gelsomina Vono di Italia Viva e da Alessandra Gallone di Forza Italia. Si tratta di emendamenti diversi ma su cui va necessariamente trovata una sintesi perché vanno tutti nella stessa direzione e rappresentano, attraverso gli autorevoli firmatari, la maggioranza del parlamento.
Bisogna chiarire che la partita che si gioca in queste ore è l’ultima occasione per l’oil & gas di affermare la propria mission industriale e per continuare a fornire il proprio contributo a beneficio del Paese.
Passata questa, le forze che vogliono immotivatamente chiudere per sempre questa industria torneranno alla carica, attraverso la proposta anticipata nelle scorse settimane e mai presentata al DL Semplificazioni. Siamo certi che non si sia trattato di un errore, ma di una precisa strategia per saggiare la reazione delle forze politiche e sociali che credono al lavoro e allo sviluppo di fronte alla proposta di una ulteriore stretta.
Tra tutti ci rivolgiamo in particolar modo alle forze sociali e politiche di Ravenna, che devono dare il massimo in questo momento, coerentemente a quanto condiviso nell’incontro in Prefettura del febbraio scorso. Ma serve il concorso di tutti: industriali, forze politiche, sindacati e lavoratori per coniugare sviluppo e transizione energetica e per far ripartire il Paese.

Giampiero Saini, Presidente Associazione Per l’Energia Nazionale

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.