Quantcast

Emilia-Romagna: un albero per ogni neonato, la legge è del 1992, ma dal 1999 la regione finanzia progetto, già stanziati 1,8 milioni e piantate 156 mila piante

Più informazioni su

Piantare un albero per ogni bambino che nasce o che viene adottato: un gesto dal forte valore simbolico, che diventa anche un contributo concreto al miglioramento della qualità dell’aria, all’estensione del verde pubblico e a una maggiore qualità dell’ambiente urbano. La legge nazionale che impone a ogni Comune di porre a dimora un albero per ogni neonato risale al 1992, ma dal 1999 questo adempimento è sostenuto in Emilia-Romagna anche da risorse regionali: ad oggi quasi 1 milione 800mila euro che hanno permesso di mettere a dimora oltre 156mila piante, mentre ammontano a 40.500 euro le risorse erogate nel 2021 per oltre 7.500 piante.

Un’opportunità che viene offerta alle amministrazioni locali che possono rifornirsi nei vivai forestali regionali di Zerina a Imola, Castellaro di Galeata (FC) e di Scodogna a Collecchio (PR). Aceri, carpini, querce, frassini, olmi. E ancora noccioli, gelsi, noci, tigli: per citare solo alcune delle circa 30 specie messe a disposizione dalla Regione – a seconda che si tratti di zona litoranea, di pianura, collinare o montana – tutte comunque rigorosamente autoctone.

“Dedicare un albero ad ogni nuova vita ha un significato profondo e duplice. Da un lato: è un omaggio all’arrivo di un neonato, una gioia per tutta la comunità, dall’altro rappresenta la consapevolezza che solo attraverso gesti concreti, come la tutela dell’ambiente, lasceremo un futuro migliore alle nuove generazioni – commenta Barbara Lori, assessora a Montagna, Parchi e Forestazione -. Tutte le piante messe a dimora per i nuovi nati provengono dai nostri vivai pubblici, tasselli preziosi che vogliamo rendere sempre più all’avanguardia”.

Come fare per richiedere il contributo

La procedura per ottenere il contributo è semplice: ogni anno entro la fine di maggio il Comune deve inviare alla Regione la certificazione relativa al numero dei nuovi nati, o dei bambini adottati iscritti all’anagrafe nell’anno di riferimento, e delle piante messe a dimora.

Nel 2021 la Regione ha erogato 40.500 euro per oltre 7.500 piante (relative ai bambini nati nel 2019). Nel dettaglio: 4.411 euro per 788 piante messe a dimora in provincia di Piacenza; 1.326 euro per 256 piante in provincia di Parma; 10.081 euro per 1.834 piante in provincia di Reggio Emilia. E ancora 2.983 euro e 576 piante nel Modenese; 6.152 e 1.053 piante nel Bolognese; 714 euro e 138 piante nel Ferrarese. Passando alla Romagna i contributi assegnati sono di 9.370 euro in provincia di Ravenna per 1.809 giovani alberi piantumati; 4.651 euro per 898 alberi in provincia di Forlì-Cesena e di 808 per 156 alberi nel Riminese.

Info: https://ambiente.regione.emilia-romagna.it/it/parchi-natura2000/foreste/le-foreste-dellemilia-romagna/un-albero-per-ogni-neonato

Nella foto lecci e farnie nel vivaio di Imola

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.