Quantcast

Le Rubriche di RiminiNotizie - Cucina

E LA SERA… CASALINGO / 41 / Il polpettone si accompagna con le stagioni, in primavera va a braccetto con gli agretti

Più informazioni su

Il polpettone è qualcosa che dà conforto a tavola. È tanto sapore in abbinamento con i prodotti della stagione. Ora è primavera, quindi cosa c’è di meglio che accostarlo alle patate novelle e agli agretti, ovvero barba di frate o lischi. Il polpettone è facile da fare e ben si abbina al contorno disponibile. In questo caso ai raccolti vegetali primaverili. Questa pietanza è una polpetta gigante che però è anche un arrosto e deve avere ben legati gli ingredienti, affinché possa essere tagliato a fette.

È una classica ricetta del riuso del cibo rimasto o di quello di recupero da altre ricette, come ritagli di carne e frattaglie. Quello che propongo qui è con ingredienti freschi, tranne il pane vecchio che entra nella ricetta a pieno titolo e che non si butta mai via.

Le patate novelle al forno sono ottime per accompagnare qualsiasi arrosto, quindi fanno al caso di questo secondo piatto. Gli agretti invece sono l’elemento che dà freschezza al piatto. È una verdura buonissima, che sa vagamente di terra ed è già saporita di suo, nel senso che non ha bisogno di aggiunta di sale. Basta un bollore e poi un po’ di succo di limone e poco olio.

Questo piatto è sempre molto apprezzato dagli ospiti e consente a chi sta ai fornelli di goderselo insieme agli invitati in tutta tranquillità.

Polpettone
Polpettone
Polpettone

POLPETTONE CON PATATE NOVELLE E AGRETTI

INGREDIENTI PER 3 PERSONE

Per il polpettone:

  • 400 grammi di macinato di manzo
  • 300 grammi di salsiccia fresca
  • 70 grammi di pane secco
  • 1 tazzina di latte
  • 2 uova di gallina
  • 1 bel mazzo di prezzemolo
  • 50 grammi di Parmigiano-Reggiano grattugiato
  • 1 noce moscata
  • pepe
  • 5-6 fettine sottilissime di lardo stagionato

Per le patate:

  • 30 patate novelle piccole
  • sale e pepe
  • 2 rametti di rosmarino fresco
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 cucchiaio di olio

Per gli agretti:

  • 1 bel mazzo di agretti
  • 1/2 litro d’acqua senza sale
  • 1-2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • 1/2 limone
  • pepe
Polpettone

ESECUZIONE

Accendo il forno e lo programmo a 170°. Poi passo subito alle patate. Le patate novelle non vanno sbucciate. Dopo averle lavate e asciugate per bene, le condisco con poco sale grosso e pepe, poi unisco il rosmarino, l’aglio e l’olio. Ora adagio le patate su una teglia affinché la cottura possa essere omogenea: vanno arrostite per bene. Passo la teglia in forno già caldo e cuocio per circa 40 minuti.

Ora mi dedico agli agretti: li pulisco bene tagliando via le radici. Li lavo per bene e poi li tuffo in poca acqua già in bollore. Dopo 4 minuti spengo la fiamma e dopo 1 minuto li sollevo con una ramina e li trasferisco in un colapasta. Non verso direttamente l’acqua e la verdura nel colapasta per evitare che eventuali depositi terrosi entrino nel piatto. Dopodiché condisco con poco limone, pepe e olio i lischi (come piace a me chiamare gli agretti) e li metto da parte.

Infine preparo il polpettone. Taglio con il coltello il pane secco grossolanamente, aggiungo il poco latte indicato e poco dopo le 2 uova. Trito finemente il prezzemolo. A parte mescolo la carne di manzo e la salsiccia col prezzemolo e il pane ammorbidito da latte e uova, poi aggiungo il formaggio grattugiato, il pepe e la noce moscata. Lavoro con le mani l’impasto affinché gli ingredienti si amalgamino bene. Non aggiungo sale, perché la salsiccia e il parmigiano, per me, sono sufficientemente sapidi.

Lascio riposare una decina di minuti e poi faccio prendere forma al polpettone con l’aiuto della carta da forno. Una volta ottenuto un bel cilindro regolare lo spolvero di pangrattato fine. Rivesto il polpettone con le fettine di lardo e lo passo in una teglia. Copro la teglia con la carta stagnola e passo in forno per circa 40 minuti a 170°. A metà del tempo trascorso, tolgo la carta stagnola e proseguo la cottura.

Passati i minuti necessari, sforno il polpettone, che avevo infornato con accanto la teglia delle patate, e lo lascio riposare per 3-4 minuti. Intanto le patate completano la cottura. Dispongo gli agretti nei piatti, poi taglio il polpettone a fette, che accosto alla verdura. Infine estraggo dal forno le patate e le accompagno alla pietanza completando il piatto.

In una foto si vede anche una frittata di asparagina, a dimostrazione che si può spaziare con la fantasia. Ora porto tutto in tavola. Buon appetito!

Instagram: nevio_ronconi

Polpettone

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.