Tartarughe marine debilitate nell’Adriatico: SOS parte da Riccione

Ansa Emilia Romagna riporta di cinque segnalazioni giunte nelle ultime settimane in merito a piccole (talvolta piccolissime) tartarughe Caretta caretta fortemente debilitate e vittime di epibionti, fastidiosi parassiti dall’aspetto estremamente sgradevole. A lanciare l’Sos è stata la Fondazione Cetacea di Riccione.

“Tre delle cinque tartarughe segnalate sono state recuperate dallo staff del Centro di Recupero Tartarughe Marine riccionese e ricoverate, ora sono sotto stretta osservazione. L’ultima arrivata è un piccolo esemplare dal carapace di 20 centimetri, molto sottopeso, trovato alla deriva a Cattolica. La situazione desta allarme, spiega la Fondazione, perché non in linea con i trend stagionali e anzi ha alle spalle un precedente “inquietante” -estate 2009- si legge su Ansa Emilia Romagna.

La Fondazione Cetacea invita chiunque si imbattesse in tartarughe in evidente difficoltà ad avvisare la Capitaneria di Porto e il numero delle emergenze 3345688320 o 0541691557.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.