Ospedale Infermi di Rimini centro di riferimento per tumore alle ovaie: associazione Loto Onlus si presenta alla città

L’Ospedale Infermi di Rimini è stato identificato come uno dei centri territoriali di riferimento per il tumore ovarico: la struttura sanitaria garantisce alle pazienti la specializzazione e le competenze, in particolare quelle chirurgiche, necessarie per assicurare il percorso di assistenza ottimale. Questo in sinergia con una nuova realtà nel territorio cittadino: nasce ufficialmente Loto Onlus Rimini, associazione che vuole fornire supporto alle pazienti della provincia. Loto Onlus si presenta alla città nella serata del 13 ottobre in occasione di un evento benefico – dal vivo e in streaming – presso la Palazzina Roma in Piazzale Fellini: intervengono due pazienti oncologiche diventate mamme dopo essere state in cura presso l’Ospedale Infermi per un tumore ovarico.

Ogni anno, in Emilia-Romagna oltre 400 donne ricevono una diagnosi di tumore ovarico e 270 muoiono a causa di questa patologia: solo il 39% delle pazienti colpite sopravvive a 5 anni dalla diagnosi. A Rimini si registrano oltre 40 nuovi casi l’anno di tumori maligni dell’ovaio (43 nel 2019).
Alle donne che in provincia di Rimini stanno affrontando questa grave neoplasia viene assicurato un percorso di cura e assistenza di alto livello: l’Ospedale Infermi di Rimini è stato infatti individuato come uno dei centri di riferimento per il tumore ovarico. Questo significa che la struttura presenta competenze e grado di specializzazione elevati, idonei alla cura di questa particolare patologia.
Le pazienti potranno inoltre contare su una nuova realtà assistenziale: nasce  Loto Onlus Rimini, associazione che si propone come punto di riferimento per svolgere attività di informazione sulla malattia, offrire servizi complementari a pazienti e familiari, sostenere la ricerca scientifica, promuovere la diagnosi precoce, l’accesso a cure di qualità e la diffusione di programmi di screening. Il comitato territoriale di Rimini si unisce alla rete Loto già presente a Bologna, Parma, Forlì, Ancona ed è un ulteriore tassello verso la presenza dell’associazione sull’intero territorio nazionale.

Loto Onlus Rimini viene presentato alla città oggi, martedì 13 ottobre, nel corso di una serata di beneficienza presso la Sala conferenze della Palazzina Roma in Piazzale Fellini, a partire dalle 18,30; l’evento è trasmesso in diretta streaming sulla pagina facebook di Loto Onlus (@lotonlus). L’obiettivo dell’associazione è quello di sostenere tutte le pazienti e i loro familiari con informazioni chiare e complete sulla malattia, sulla diagnosi e sulla terapia, aiutandole a superare i momenti di, incertezza e paura che accompagnano la diagnosi di questa neoplasia.

“Il percorso diagnostico e terapeutico delle pazienti affette da carcinoma ovarico è complesso e richiede una stretta collaborazione tra i vari specialisti. Presso il nostro ospedale le pazienti con questa diagnosi sono prese in carico a 360 gradi – spiega il dott. Marco Stefanetti, responsabile Ginecologia Oncologica dell’Ospedale Infermi di Rimini e referente del comitato territoriale di Loto Onlus a Rimini – qui vengono accolte da una equipe di 24 specialisti in grado di affrontare il tumore ovarico sotto diversi aspetti. Radiologi, oncologi, chirurghi, anestesisti, nutrizionisti e persino infermieri dedicati seguono le donne in cura. Un’accurata diagnosi e stadiazione seguite da un trattamento integrato chirurgico e chemioterapico sono fondamentali per una cura adeguata che negli ultimi anni sta puntando la propria attenzione sull’oncogenetica, sulla qualità di vita delle pazienti e sulla possibilità di preservare la capacità riproduttiva qualora ce ne siano le condizioni”.

La serata è arricchita dalla testimonianza di una paziente oncologica, operata proprio presso l’Ospedale Infermi: a Morena Ripa, avvocato di Riccione, è stato diagnosticato un tumore ovarico nel novembre 2017 ed è stata immediatamente presa in carico dalla struttura; qui le è stato asportato l’ovaio destro e si è sottoposta per diversi mesi a chemioterapia. Terminate le cure è riuscita a coronare il suo sogno di diventare mamma: il 7 agosto dello scorso anno sono nati Gioele e Victoria. “Presso l’Ospedale Infermi sono stata seguita in maniera eccellente – sottolinea Morena Ripa – E’ fondamentale che le donne colpite da questa patologia si mettano nelle mani di un ospedale specializzato, che ha operato e trattato un elevato numero di casi e dove sono in grado di affrontare il tumore ovarico in maniera mirata. Il mio messaggio a tutte le donne colpite vuole essere di speranza: tre anni fa ho avuto una diagnosi terribile e ora stringo tra le braccia i miei gemellini di 14 mesi. In questo percorso il fatto di essere seguita da medici estremamente competenti è stato fondamentale. Mai demordere, mai abbandonare la speranza”.

Presente all’evento un’altra giovane donna che negli ultimi tre anni si è confrontata con questo percorso di diagnosi e cura per una neoplasia ovarica, ricevendo il recente dono della maternità: anche in questo caso la paziente è stata trattata in maniera conservativa e ha avuto una gravidanza spontanea gemellare, partorendo in piena pandemia. “Questa storia racchiude tutto il valore di come la gestione multidisciplinare di patologie ad alta complessità migliori il risultato che diamo alle nostre pazienti – sottolinea la dott.ssa Federica Rosati dell’Unità Operativa Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Infermi – In questo caso il gruppo oncoginecologico ha studiato e condiviso una strategia chirurgica conservativa garantendo la fertilità ad una giovane donna con patologia oncologica, coinvolgendo il team della gravidanza a rischio, che ha gestito a sua volta in modo naturale e conservativo un parto ad alto rischio, evitando un ulteriore atto chirurgico”.

E’ bello sottolineare che questi casi dell’epoca Covid fanno parte di una serie di casi onco- ginecologici trattati presso l’Ospedale Infermi con intento conservativo cosi da mantenere la capacità riproduttiva e che fino ad ora ha visto nascere anche altri bambini da mamme forti e motivate che con la loro tenacia hanno convinto e sostenuto spesso gli stessi medici.
L’approccio a questa patologia contempla un lavoro multidisciplinare che coinvolge varie unità operative dell’Ospedale Infermi e dell’Ausl Romagna. All’interno dell’equipe dei Ginecologia, oltre al dottor Stefanetti e alla dottoressa Rosati, e naturalmente al direttore della unità operativa Federico Spelzini, vanno annoverati i dottori Facchini e Zazzeroni. Sul fronte chirurgico il primario dottor Luca Garulli. Per l’Oncologia il direttore dottor Davide Tassinari e il dottor Arcangeli; per la Radioterapia il dottor Speranza; per la Radiologia il primario Enrico Cavagna e il dottor Roversi; per l’Anatomia patologica il direttore dottor Giulio Rossi e il dottor Locatelli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.