Rimini. Polizia di Stato: bilancio positivo della stagione estiva con calo dei reati del 20%

Con la conclusione della stagione estiva 2019, la Polizia di Stato traccia un bilancio sul fronte della sicurezza.
“L’analisi dei dati di settore può dirsi ampiamente positiva: si è registrato difatti un calo del numero totale dei reati di circa il 20% sullo stesso periodo dell’anno scorso, sia nell’intero territorio provinciale sia, in medesima percentuale, in quello del comune di Rimini. –

Per raggiungere tale obiettivo, il dispositivo messo in campo dalla Questura di Rimini è stato articolato e modulato in base alle diverse esigenze operative, impiegando quotidianamente, sul territorio, centinaia di uomini tra agenti delle Volanti e della Squadra Mobile, poliziotti dei Reparti Prevenzione Crimine, e Reparti cinofili e Reparto a Cavallo della Polizia di Stato, del Reparto Mobile di Senigallia e Bologna, nonché del personale aggregato dal Ministero per il periodo estivo.

Grazie a questi ultimi rinforzi, la Questura ha aperto i posti estivi di Polizia di Riccione e Bellaria-Igea Marina, operativi da fine giugno al 1° settembre quello di Bellaria e al 19 settembre quello di Riccione.

Particolarmente intensa è stata l’attività finalizzata al contrasto dei reati contro il patrimonio e la persona, lo spaccio di sostanze stupefacenti, i reati contro le c.d. “fasce deboli” – anziani, donne, minori – nonché quelli connessi a situazioni di degrado e disagio urbano.

Si sono invece svolti in stretta sinergia con le Polizie Locali dei comuni rivieraschi, in special modo quelli di Rimini, Riccione e Bellaria i servizi finalizzati a contrastare il fenomeno dell’abusivismo commerciale, servizi che – per l’efficacia del dispositivo messo in campo – hanno consentito di arginare il fenomeno, riconducendolo ad un alveo pressoché fisiologico.

La Riviera di Rimini, come noto, è terra di mare ma anche di divertimento, in gran parte legato alla presenza di numerosissimi locali notturni e luoghi di intrattenimento, capaci di attrarre decine di migliaia di giovani; ed è proprio in virtù di tale peculiarità che la Questura ha pianificato, tutti i giorni e per tutta la stagione estiva, servizi finalizzati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e dei furti in spiaggia (fenomeno, quest’ultimo, aggredito dalla Questura di Rimini con costanti servizi serali e notturni, svolti anche con due fuoristrada che vigilavano la battigia del litorale Riminese e di quello di Riccione).

L’impegno delle donne e degli uomini della Polizia di Stato, così modulato, ha permesso di conseguire significativi risultati.

Se il numero totale dei reati risulta significativamente in calo, altrettanto significativo è l’incremento dei risultati operativi: a fronte dei 126 arresti effettuati nel periodo 1° giugno – 15 settembre 2018 si è passati a 161, con un incremento del 27%; il numero dei denunciati dall’Ufficio Prevenzione Generali e Soccorso Pubblico è passato dai 368 del 2018 ai 440 di quest’anno, con un incremento del 20% rispetto al medesimo periodo dell’anno scorso, mentre gli arrestati sono stati ben 121 (rispetto i 95 dello scorso anno). Durante le attività di controllo ordinario e straordinario di controllo del territorio, infatti, i poliziotti della Questura di Rimini durante i mesi estivi hanno così identificato e controllato poco più di 15 mila persone e, nei diversi posti controllo predisposti, fermato migliaia di auto, ritirato diverse decine di carte di circolazione ed elevato verbali di contestazione per violazione delle disposizioni del codice della strada poste a presidio della sicurezza della circolazione e degli utenti.

La Divisione di Polizia Anticrimine durante detto periodo ha emesso 30 avvisi orali (rispetto ai 22 dell’anno scorso), 40 Fogli di Via nei confronti di soggetti italiani e stranieri socialmente pericolosi, 7 ammonimenti e 2 DASPO.

La Squadra Mobile della Questura di Rimini, ha arrestato 33 persone (rispetto alle 19 dello scorso anno riferite allo stesso periodo estivo).

Particolarmente importante è stato il risultato conseguito nel contrasto all’attività di spaccio di stupefacente. La Polizia di Stato ha infatti sequestrato nel corso dei mesi estivi diverse tipologie di sostanza stupefacente, per un quantitativo di oltre 13 chili tra cocaina, eroina, ecstasy, ketamina, MDMA, marijuana e hashish.

Gli agenti durante questa estate, con l’ausilio delle unità cinofile e del Reparto a Cavallo della Polizia di Stato, hanno costantemente battuto e bonificato i parchi e le aree verdi della città, nonché le zone del lungomare segnalate per cittadini e turisti.

Decisiva è stata poi l’attività posta in essere dalla Digos, anche nell’attuale scenario internazionale, ha consentito che ogni manifestazione ed evento organizzato nella Provincia di Rimini si potesse svolgere senza alcuna problematica, prevenendo e neutralizzando ogni elemento che potesse determinare una turbativa all’ordine e alla sicurezza pubblica.

È proseguita per tutta l’estate anche l’attività di prevenzione e contrasto al fenomeno dell’abusivismo commerciale sul lungomare di Rimini, di Bellaria e di Cattolica. Fin dal mese di maggio e per tutti i mesi di giugno, luglio e agosto, con una considerevole presenza di turisti, il Nucleo interforze appositamente predisposto presso il comune di Rimini per garantire un’efficace attività di prevenzione e di contrasto al fenomeno dell’abusivismo ha prodotto “ottimi” risultati, con denunce, sequestri e identificazioni di stranieri.

Alle attività antiabusivismo, antiprostituzione e antidegrado e ai servizi di controllo del territorio è stata affiancata in particolar modo l’attività dell’Ufficio immigrazione della Questura, la cui attività – diretta a verificare il rispetto delle vigenti normative in tema di ingresso e soggiorno sul territorio nazionale – ha consentito di adottare decine di provvedimenti di espulsione, con accompagnamenti presso i CPR del territorio nazionale e accompagnamenti alla frontiera. L’attività della Polizia di Stato durante il mese di luglio e agosto si è concentrata anche sul territorio di Riccione e di Bellaria, dove con l’apertura dei posti estivi di polizia è stata garantita una presenza costante di uomini e mezzi che durante l’intera giornata hanno garantito un costante controllo del territorio.

Con il supporto delle unità cinofile e del Reparto a cavallo della Polizia di Stato sono stati costantemente vigilati i parchi e le aree verdi di Rimini e di Riccione, nonché assicurati controlli presso stabili abbandonate: i servizi hanno consentito di “bonificare” quelle zone dalle quali giungevano segnalazioni di attività illecite, da subito contrastate.

Nel corso dell’estate sono proseguiti senza sosta anche i controlli della Polizia amministrativa della Questura di Rimini, presso gli esercizi commerciali e i locali di ritrovo della Riviera al fine di verificare il rispetto da parte dei pubblici esercizi della riviera delle norme in materia di sicurezza dei locali, di rispetto delle norme sull’inquinamento acustico, di somministrazione di bevande alcoliche, di impiego del personale addetto ai servizi di controllo.

Gli agenti della Questura di Rimini, hanno irrogato sanzioni amministrative per un totale di diverse migliaia di euro, per somministrazione di alcolici a minorenni e per l’impiego di personale addetto ai servizi di controllo in violazione delle disposizioni vigenti in materia. Particolarmente incisiva è stata poi l’attività che il personale della Divisone Amministrativa ha espletato per contrastare la vendita illecita di bevande alcoliche a minori e oltre i limiti previsti dalla vigente normativa. A tale riguardo ricordiamo che i provvedimenti ex articolo 100 tulps, notificati, sono stati 6 nei confronti di diversi locali di intrattenimento e negozi di vicinato (i c.d. minimarket), ubicati nei Comuni di Rimini, Riccione e Bellaria. Tra le infrazioni rilevate, commesse anche in un breve lasso di tempo, anche quelle riguardanti soprattutto la vendita di bevande alcoliche e superalcoliche a minori, anche dei 16 anni.

La Questura di Rimini, infatti, ai “normali” servizi di controllo del territorio e quelli finalizzati alla prevenzione e alla repressione dei reati, ha garantito che i numerosi eventi in programma nel Comune di Rimini, di Riccione, di Bellaria, di Santarcangelo e degli altri comuni della Provincia si potessero svolgere ordinatamente e senza alcuna turbativa. Con l’impiego di quasi due mila uomini – tra dipendenti della Questura di Rimini e personale di rinforzo aggregato a Rimini su disposizione del Dipartimento della Pubblica sicurezza – la Questura di Rimini ha predisposto centinaia di servizi di ordine e sicurezza pubblica in eventi anche di particolare rilievo internazionale come la 40° edizione del Meeting – Amicizia fra i popoli.

Nell’estate 2019, si è avuto un moltiplicarsi di eventi musicali ad alto livello, come mai avvenuto nelle passate stagioni, con una conseguente elevata partecipazione di pubblico. Basta evidenziare la MOLO STREET PARADE, la NOTTE ROSA, il JOVA BEACH PARTY, il concerto del notissimo OZUNA, i concerti del DEEJAY ON STAGE di  Riccione, con ben 13 serate con Rudy Zerbi, che dal 3 al 24 agosto, ogni sera ha fatto registrare il tutto esaurito in piazzale Roma a Riccione con artisti internazionali,(raccogliendo quasi ogni sera diverse decine di migliaia di partecipanti), i concerti della Beach Arena di Miramare e quella di piazzale Boscovich, con 8 serate solo nell’area di Miramare, i numerosi eventi e concerti svoltisi a Cattolica presso l’Arena della Regina, tra i quali si segnala IL VOLO, e di Bellaria Igea Marina – Beky Bay, tra i quali si segnala il Festival Rok; o ancora il “Summer Pride” ,  le numerosissime iniziative organizzate in centro storico e presso il Parco Fellini e i vari locali di intrattenimento della provincia. Inoltre si segnala la visita del Presidente della Repubblica Sergio MATTARELLA, intervenuto presso il ricostruito Teatro “Amintore GALLI”, per presenziare all’apertura della 70^ edizione della Sagra Musicale Malatestiana, con il concerto su brani di Mozart dell’opera lirica “Le Nozze di Figaro”, diretto del maestro Riccardo Muti.

La Questura di Rimini, sulla scorta delle determinazioni assunte in seno al Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal Prefetto, alle luce degli avvenimenti nazionali e internazionali, in stretta collaborazione con gli organizzatori degli eventi responsabili delle misure di safety e security, prevedendo un adeguato dispositivo di ordine e sicurezza pubblica che ha garantito alle centinaia di migliaia di cittadini e turisti presenti in Riviera l’ordinato svolgimento di tutti gli eventi e le attività programmate. A tal fine infatti, con la preziosa collaborazione delle Amministrazioni comunali e dei diversi Comandi del Corpo di Polizia Locale, è stato possibile eseguire strategiche chiusure al traffico veicolare delle zone adiacenti il luogo fissato per gli eventi, misura questa che ha consentito ai partecipanti e organizzatori di potersi divertire in piena sicurezza, anche con l’ausilio delle unità cinofile della Polizia di Stato e dei Reparti prevenzione Crimine, nonché con le unità operative di Primo Intervento e dei Reparti Mobili.

Tra i grandi eventi della stagione si segnalano gli ultimi, certamente non per importanza, quali l’esibizione della Pattuglia Acrobatica Nazionale delle “Frecce Tricolori” e il “GRAN PREMIO OCTO DI SAN MARINO E DELLA RIVIERA DI RIMINI” di domenica scorsa, con il record di presenze di pubblico.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.