Tre condanne per l’uccisione del lupo a Coriano nel 2017. LAC soddisfatta

Più informazioni su

“Si è concluso  con tre condanne ed altrettanti  patteggiamenti il processo davanti al Tribunale di Rimini per i reati commessi a danno di un lupo,  avvelenato,  a cui era stato fracassato il cranio,  e che successivamente era stato lasciato appeso per le zampe  ad una pensilina della fermata dell’autobus a Coriano  il 4 novembre 2017 – informa la Lega Abolizione Caccia. – I tre, O.M , O.F e  R.L.,  accusati di maltrattamento, cattura, uccisione, furto aggravato e macellazione clandestina (scoperta successivamente) durante le indagini dei Carabinieri nella loro azienda agricola,  sono stati condannati rispettivamente a 1 anno e sei mesi, 1 anno e a  9 mesi di reclusione”.

Durante il processo varie le associazioni che si erano costituite parte civile, inclusa la Lega Abolizione Caccia (LAC). Per la LAC  “è  una buona condanna, ma auspichiamo presto pene più severe che facciano da serio deterrente ai troppi casi di bracconaggio e reati a danno degli animali selvatici .  Ci auguriamo che le nuove proposte di legge come la cosiddetta  #proteggianimali,  presentata dal senatore Perilli,  vengano presto discusse e  approvate dal Parlamento. La fauna selvatica è un  patrimonio  che va tutelato nell’interesse della collettività, anche con strumenti legislativi adeguati ai tempi”.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.