Riccione. Nella notte di capodanno due persone arrestate e sei denunciate dai Carabinieri

Più informazioni su

 

Dalle ore 19.00 del 31 dicembre 2019, alle ore 07,00 dell’1 gennaio 2020, i militari della Compagnia Carabinieri di Riccione hanno svolto un servizio straordinario di controllo del territorio.

I militari hanno arrestato De I.C., 43enne di Senigallia. L’uomo sottoposto alla misura cautelare della detenzione domiciliare presso una comunità di Montescudo-Montecolombo, in esecuzione all’ordinanza di ripristino della custodia cautelare e contestuale carcerazione emessa dall’ufficio di sorveglianza di Bologna, deve scontare ancora 1 anno per reati in materia di armi. Il provvedimento scaturisce dalle risultanze investigative riscontrate dai militari in merito alla violazione delle prescrizioni imposte all’uomo, già allontanatosi dalla comunità il 30 dicembre.

Su provvedimento dell’Autorità Giudiziaria arrestato L.A, 45enne di Bari, affidato in prova in una comunità di Pesaro, in esecuzione all’ordinanza di ripristino della custodia cautelare e contestuale carcerazione emessa dall’ufficio di sorveglianza di Bologna.

Deferiti in stato di libertà:
– per false attestazioni a Pubblico Ufficiale F.Z., 39enne, domiciliato  a Saludecio. L’uomo, sottoposto a controllo, attestava falsamente ai militari generalità diverse da quelle riportate nei propri documenti identità.

– per sottrazione di cose sottoposte a sequestro P.S., 61enne di Gemmano. I militari, nel corso del servizio, hanno appurato che l’uomo si era allontanato dalla sua abitazione a bordo della propria autovettura nonostante il mezzo fosse sottoposto a fermo amministrativo.

– per furto M.H, 35enne, residente a Rimini. La donna all’interno di un albergo, si era impossessata di un paio di scarpe griffate di una turista.

– per furto M.Y., di anni 15 e F.J.S, di anni 17. I minori, in viale Ceccarini, hanno avvicinato un coetaneo e dopo averlo distratto con una banale scusa, gli hanno sottratto dal giubbotto il portafoglio ed una sigaretta elettronica, dandosi alla fuga lungo il viale dante. I  del N.O.R – sezione Rimini – giunti immediatamente sul posto, hanno rintracciato i due procedendo alla loro identificazione ed al recupero della refurtiva, del valore di euro 100,00, restituita al legittimo proprietario.

– per furto B.B.M, 32enne, cittadino libico, in italia senza fissa dimora, celibe, pregiudicato. L’uomo, dopo aver forzato lo sportello di una autovettura, parcheggiata in viale D’Annunzio, era fuggito per l’attivazione del sistema d’allarme. I militari giunti immediatamente sul posto in seguito alla richiesta del proprietario, hanno rintracciato il 32enne procedendo alla sua identificazione.

Segnalate alla competente Autorità Amministrativa 2 persone trovate in possesso di complessivi gr.1,6 di hashish. Sottoposte a controllo 165 auto/motoveicoli; 230 individui; elevate 13 sanzioni amministrative per violazioni al c.d.s..

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.