Approvato il Piano Industriale 2020-2023 con 44,3 milioni di euro di investimenti. In arrivo 160 nuovi bus

Investimenti, efficienza, innovazione e sostenibilità. Col cliente al centro di ogni progetto di crescita. L’Assemblea dei Soci di Start Romagna ha approvato oggi il Piano Industriale 2020-2023, redatto dall’organo di governo della società, rinnovato a metà 2019 unitamente all’assunzione del nuovo Direttore Generale. E’ quindi il primo atto strategico di indirizzo del nuovo vertice di Start Romagna.

L’azienda che un fatturato annuo di circa 83 milioni, con l’approvazione del Piano Industriale apre la strada, fra il 2020 e il 2023, ad investimenti previsti per 44,3 milioni di euro (oltre il 50% in autofinanziamento). 15 milioni saranno investiti nel 2020.

Sul fronte dei bus, il Piano prevede l’acquisto complessivo di 160 mezzi (63 nel 2020) con un investimento di 38,8 milioni, di cui 20,2 in autofinanziamento, sostituendo così i mezzi più vecchi. Il Piano prevede l’acquisto di 90 bus a metano, portando a 230 il totale dei mezzi così alimentati, circa il 40% del totale. Ciò comporterà anche la costruzione di due distributori di gas metano liquido compresso, a Forlì nel 2020 e a Cesena nel 2021. E’ prevista inoltre la graduale introduzione di mezzi elettrici.

Il Piano riserva grande attenzione al tema della tutale ambientale, tema al centro del Bilancio di Sostenibilità che Start Romagna presenterà nei prossimi mesi. 3,2 milioni di euro saranno investiti da Start Romagna nell’Information Technology, in larga parte nel 2020, con priorità a progetti relativi a nuovi sistemi di vendita, infomobilità, e videosorveglianza. Start Romagna intende sviluppare azioni che supportino il completamento del processo di introduzione di sistemi di Business Intelligence all’interno del contesto aziendale ed azioni che supportino la prosecuzione del processo di digitalizzazione.

Sul fronte dei ricavi, particolare attenzione sarà posta ad un apposito piano di contrasto dell’evasione che sarà avviato con vigore quest’anno. Il potenziamento dell’attività di controllo è principalmente finalizzato a creare un clima di maggiore legalità e sicurezza sui mezzi di Trasporto Pubblico, valori da far percepire alla clientela con maggiore presenza e controllo da parte del personale di Start Romagna.

Il focus sul cliente verrà alimentato dal crescente coinvolgimento del personale nella vita aziendale, così da generare condivisione e spirito di appartenenza. Un percorso di formazione del personale finalizzato a generare maggiori opportunità di crescita professionale misurata per obiettivi rappresenta una parte importante del Piano Industriale per affrontare le nuove sfide competitive.

Investimenti significativi riguarderanno tecnologie e progetti per l’ascolto della clientela e conseguente formulazione di proposte commerciali customizzate. L’attenzione del cliente riguarderà non solo gli abituali fruitori del servizio, ma anche i turisti, con una particolare sensibilità verso quelli che giungono in Romagna via treno o aereo con comunicazioni più chiare e maggiore facilità nel reperimento dei titoli di viaggio.

Anche i nuovi assunti in Start Romagna rappresenteranno un importante investimento. La loro ricerca verrà favorita con un innovativo progetto di ‘Academy per la formazione permanente’, una vera e propria scuola per operatori professionali del Trasporto Pubblico Locale da condurre in sinergia con tutti gli attori del TPL e degli istituti professionali.

Senso di appartenenza, radicamento col territorio, apertura all’innovazione saranno requisiti determinanti e dovranno caratterizzare tutti i livelli di occupazione, dagli addetti al front line agli autisti, fino a coloro che operano negli uffici e nelle officine. Tutto il personale sarà chiamato al confronto con un sistema di balanced scorecard per la misurazione delle performance.

Altro obiettivo complessivo sarà quello di uniformare le competenze, condividere modelli, strumenti e tecnologie a supporto dei processi di gestione del personale. Sarà necessario accelerare decisamente nel percorso che dovrà definire Start Romagna un’azienda complessiva e uniforme, attenuando le attuali specificità territoriali.

SCENARIO ITALIA

Il parco mezzi nazionale è composto da circa 51.300 mezzi (90% alimentato a diesel). Il 46% dei bus ha classe di emissione precedente a Euro 3; gli Euro 0 sono il 17% del totale. Quanto all’età media dei mezzi, è di 12,2 anni secondo l’ultimo dato disponibile (ASSTRA 2015). In Europa è di 6,9 anni in Germania, 7,7 anni nel Regno Unito, 7,9 anni in Francia e 8 anni in Spagna. In Italia il settore del TPL trasporta circa 5,4 miliardi di passeggeri l’anno, 930 aziende impiegano oltre 124.000 addetti che sono impegnati nella produzione di oltre 2 miliardi di vetture/Km annui, per un fatturato totale che si aggira intorno ai 12 miliardi di Euro.

START ROMAGNA IN PILLOLE

Sono tre le sedi operative nei bacini provinciali interessati (Rimini, Forlì-Cesena e Ravenna). I dipendenti sono 937, dei quali circa il 75% sono autisti. L’età media è di 48 anni. Il personale è dislocato al 40% a Rimini, al 40% a Forlì-Cesena, al 20% a Ravenna. Due le Centrali Operative integrate perfettamente funzionanti ed interoperabili tra loro. Nei servizi urbani ed extraurbani, i mezzi di Start Romagna percorrono 21,5 milioni di km l’anno. Il parco mezzi di proprietà conta 555 bus, 414 a diesel e 141 a metano, di cui 6 filobus, che ogni anno garantiscono circa 48 milioni di viaggi. Inoltre Start Romagna gestisce il movimento del traghetto fra Marina di Ravenna e Porto Corsini (7.500 corse l’anno). A Rimini Start Romagna si occupa anche dei servizi di trasporto scolastico (265mila km l’anno) e della gestione di un parcheggio da 220 stalli. La politica tariffaria prevede l’attenzione a nuove proposte per i Clienti occasionali, da fidelizzare e sensibilizzare all’uso del TPL, ma anche ad introdurre titoli di viaggio più indirizzati ad una utenza ‘turistica’ con un particolare focus all’acquisto tramite App. Si affiancherà l’arricchimento delle informazioni sia sulle fermate, in accordo con gli enti proprietari, che a bordo dei bus. Il rapporto con la clientela troverà forte impulso da progetti che arricchiscano la già ottima dotazione di canali informativi online.

“Il Piano Industriale appena approvato dai soci, che ringrazio per la fiducia accordata – afferma Roberto Sacchetti, Presidente Start Romagna -, rappresenta la stella polare per l’attività di Start nei prossimi mesi e anni. Un più fluido rapporto con i dipendenti, un significativo rinnovamento della flotta, sempre più orientata a combustibili meno inquinanti, una maggiore efficienza ed efficacia del servizio, unitamente ad una maggior promozione del trasporto pubblico e una sempre crescente soddisfazione dei passeggeri serviti, rappresentano i principali capisaldi del Piano”.

“E’ un piano che emoziona per la varietà di obiettivi che contiene – dice Giampaolo Rossi, Direttore Generale Start Romagna – . Obiettivi sfidanti ma raggiungibili. Con questo Piano si pone Start nelle condizioni di esaltare i propri pregi e le capacità derivate dalla fusione di più aziende del territorio, accumunate dall’unico obiettivo: distribuire mobilità di qualità ai propri clienti. Sono particolarmente fiero di aver collaborato alla stesura del Piano e di essere assieme a tutte le maestranze attore partecipe nell’applicazione e sviluppo del medesimo”.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.