Carabinieri di Novafeltria scoprono truffa telematica in Valmarecchia: 21enne denunciato 

I Carabinieri della Compagnia di Novafeltria,  al termine di  un’attività d’indagine, hanno denunciato l’autore di una “truffa informatica” ai danni di un 37enne di Pennabilli. Un 37enne pennese è stato vittima di una truffa online. L’uomo qualche settimana fa ha concluso l’acquisto, su una nota piattaforma di vendite telematiche, di uno smat-watch, un Apple Watch serie 4, che era in vendita ad un prezzo molto vantaggioso. Per non perdere l’occasione, l’ignaro acquirente ha contattato l’autore dell’inserzione che, per bloccare l’affare, gli ha chiesto di versare l’importo dovuto pari a 175 euro, effettuando un bonifico a favore di una carta PostPay risultata intestata all’inserzionista.

Effettuata tale transazione l’ inserzione e l’autore della stessa sono spariti nel nulla ed anche all’utenza cellulare il truffato non è riuscito a rintracciare più nessuno. Avendo compreso di essere stato ingannato, il 37enne si è rivolto ai Carabinieri della Stazione di Pennabilli, di via Viale dei Tigli 56, ai quali ha presentato una dettagliata denuncia. I militari hanno intrapreso le indagini e grazie ad una serie di riscontri investigativi, anche di natura bancaria attraverso i movimenti dell’international bank account number (più noto nella forma abbreviata iban), sono riusciti a risalire al titolare del conto corrente, un 21enne residente nel nuorese noto alle cronache per lo stesso reato il quale, ricorrendo ad un collaudato “modus operandi”, simulava la compravendita on-line ingannando poi gli acquirenti, che versavano la somma pattuita tramite bonifico postale o accredito di Post- Pay, senza mai entrare in possesso del bene acquistato, rendendosi poi irreperibile.

Il giovane sardo, al termine degli accertamenti, è stato denunciato per truffa alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rimini. L’Arma di Novafeltria invita gli utenti a prestare la massima attenzione agli annunci on-line per la compravendita di beni e servizi. Bisogna diffidare dagli acquisti molto convenienti e facili guadagni, spesso si tratta di truffe o di merce rubata; fate acquisti on-line con la carta di credito solo su siti che forniscano valide garanzie di sicurezza della comunicazione come nel caso in cui l’indirizzo visualizzato dal browser inizi con HTTPS; non inserire in nessun caso i dettagli della carta di credito su siti sconosciuti e non inviare la copia del documento personale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.