Quantcast

Reperti trafugati, nuovo recupero dei carabinieri di Saludecio

Un’anfora con due anse priva della parte inferiore, databile ad epoca romana, due ditali in metallo, presumibilmente in bronzo – databili dall’epoca basso medioevale all’epoca contemporanea ( secoli XIV-XV secolo sino al XX secolo ) – un anello in metallo con tracce di argentatura e castone riferibile al XIX inizi XX secolo e una piccola campana in bronzo danneggiata, con decorazioni a rilievo  –  priva di scritte visibili – databile secoli XVI – XVIII.

Questo il nuovo tesoretto scoperto nella mattinata di ieri dai Carabinieri della Stazione di Saludecio, recuperato nell’abitazione di M.M., quarantacinquenne incensurato di Coriano. L’uomo, senza opposizione alcuna, alla vista dei militari ha subito consegnato tutto quanto custodiva gelosamente nella propria abitazione e che aveva recuperato nel tempo libero con il suo metal detector, anch’esso sequestrato dai militari. Tra i pezzi consegnati anche alcuni cimeli e medaglie risalenti al secondo conflitto mondiale. L’uomo, al termine delle attività di ricerca è stato deferito all’autorità giudiziaria per il reato di impossessamento illecito di bene di interesse storico culturale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.