2 nuovi casi a Rimini, 71 in Regione. Donini: “Domani ordinanza su sierologici e tamponi nella logistica e lavorazione carni” foto

Più informazioni su

Aggiornamento della Regione ER delle ore 17.00 di domenica 12 luglio 2020

I CASI –  Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 28.940 casi di positività; oggi 12 luglio ci sono , 71 casi in più rispetto a ieri, di cui 48 persone asintomatiche individuate nell’ambito del contact tracing e dell’attività di screening regionale (2.268 i test sierologici effettuati). I nuovi tamponi sono 2.975 .

Dei nuovi casi, 21 si registrano in provincia di Modena, 18 legati ad un focolaio scoperto in un prosciuttificio; 19 in quella di Bologna, di cui 6 riconducibili ai due focolai individuati in due aziende della logistica e la gran parte degli altri a situazioni familiari gia note; 11 in quella di Ferrara, 9 dei quali riferiti sempre all’ultimo focolaio nell’azienda logistica bolognese.

I CASI ATTIVI – I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi,oggi sono 1.180 (sono 61 in più rispetto a ieri).

LE PERSONE IN ISOLAMENTO – Le persone in isolamento a casa, cioè quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 1.077, 61 in più rispetto a ieri.

LE TERAPIE INTENSIVE – I pazienti in terapia intensiva sono 10 (come ieri), quelli ricoverati negli altri reparti Covid sono 93 (come ieri).

LE GUARIGIONI – Le nuove guarigioni sono 10 per un totale di 23.491 .

I DECESSI Nessun decesso in tutta l’Emilia-Romagna. Il numero totale resta quindi 4.269. Dall’inizio della pandemia a Ravenna sono stati registrati 79 morti.

IL DETTAGLIO – In dettaglio, questi sul territorio i casi di positività, che si riferiscono sempre non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi:

4.567 a Piacenza (+1), 3.717 a Parma (+3), 5.011 a Reggio Emilia (+8), 4.011 a Modena (+21), 5.092 a Bologna (+19); 404 a Imola (invariato), 1.048 a Ferrara (+11); 1.084 a Ravenna (+3), 965 a Forli (+1), 812 a Cesena (+2) e 2.222 a Rimini (+2)

Le parole dell’assessore regionale

“I dati di oggi- afferma l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Raffaele Donini- confermano quello che da alcuni giorni sta accadendo in Emilia-Romagna, in Italia e in Europa: il contagio da Covid si sta diffondendo soprattutto nelle realta produttive legate ai settori della logistica e della lavorazione delle carni. Gli interventi immediati e massivi che abbiamo messo in campo consentono di fare emergere tante persone positive asintomatiche, spesso gia in isolamento domiciliare, attraverso una efficace azione di contact tracing. Cio contribuisce a non impegnare in maniera preoccupante le strutture sanitarie e i reparti ospedalieri e a gestire e poi spegnere, di volta in volta, i focolai che si innescano. Ci conforta il fatto che per il quinto giorno consecutivo non ci siano decessi. Ne – rispetto a ieri – aumenta il numero di pazienti in terapia intensiva e nei reparti non di terapia intensiva”.

“Domani- prosegue- sara firmata l’ordinanza regionale che stabilisce l’obbligo dei test sierologici o dei tamponi a tappeto nelle aziende del settore della logistica e in quello della lavorazione delle carni. Un provvedimento che riguarda piu di 70mila lavoratori in Emilia-Romagna”.

“L’appello che rinnovo a tutte le aziende in Emilia-Romagna, indipendentemente dal settore di attivita , e quello di effettuare lo screening ai propri dipendenti, per individuare tempestivamente la positivita nei soggetti asintomatici e limitare gli effetti epidemiologici di nuovi focolai. Cosi come ribadisco l’importanza di osservare scrupolosamente le prescrizioni previste dagli appositi protocolli emanati per tutti i settori economici e le attivita sociali”.

“Infine- chiude Donini- ricordo che l’obbligo di un corretto uso della mascherina continua a sussistere nei luoghi chiusi e nei luoghi all’aperto laddove non vi sia la possibilita di osservare il distanziamento sociale. Un obbligo che chiediamo venga fatto osservare facendo leva sul senso di responsabilita dei cittadini e, se necessario, con le sanzioni previste”.

NUMERO VERDE REGIONALE: 800.033.033
NUMERO TELEFONICO NAZIONALE: 1500

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.