Rimini. La Polizia di Stato lo sorprende a spacciare nel lungomare: arrestato

Più informazioni su

La Polizia di Stato di Rimini, nella giornata di ieri 29 luglio, ha tratto in arresto un cittadino originario della Guinea, resosi responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo è stato anche denunciato in stato di libertà per i reati di ricettazione di un telefono e possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere.

La Volante, durante l’attività di controllo e monitoraggio del territorio, trovatasi nei pressi del Lungomare Tintori ha intercettato un 24enne, nascosto dietro a delle cabine di un centro balneare, intento a confezionare dosi di sostanza stupefacente.

Gli Agenti, insospettitisi, hanno iniziato ad osservare il soggetto. Il 24enne, identificato successivamente come D.M., dopo essersi sincerato che non vi era nessuno vicino, ha  iniziato a confezionare dosi di sostanza stupefacente chiudendo i lembi delle confezioni attraverso l’utilizzo di un accendino, notato più volte accendersi e spegnersi ad intermittenza. Oltre al confezionamento i Poliziotti hanno avuto modo di notare che il giovane si avvicinava a gruppi di ragazzi per proporgli della sostanza stupefacente nei pressi di noti locali notturni del Lungomare.

Ad un certo punto, D.M. ha salutato un ragazzo, al quale, subito dopo,ha consegnato un involucro nascosto nelle parti intime, ricevendo poi in cambio una banconota.

I Poliziotti, sicuri che il 24enne continuasse a celare della sostanza stupefacente, lo hanno bloccato invitandolo a esibire tutto ciò che occultasse di illecito. Benché il giovane abbia negato ogni attribuzione, gli agenti hanno proceduto alla perquisizione rinvenendo all’interno degli slip degli involucri di plastica contenenti un totale di 14 grammi di sostanza stupefacente tipo “marjiuana”. All’interno del marsupio, invece, è stata ritrovata la somma di 165 euro suddivisa in banconote di piccolo taglio, un telefono cellulare, privo di simcard con il codice di sblocco sconosciuto dal possessore e un cavatappi con una lama di 5 cm. Vistosi scoperto ed accerchiato dai Poliziotti, il D.M., non ha potuto che arrendersi all’evidenza venendo così arrestato. Pertanto, verrà sottoposto a rito direttissimo previsto nella mattinata odierna.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.