Turista anziano derubato in spiaggia a Rimini: tre giovani denunciati grazie a cooperazione Polizia Locale e Polizia di Bellaria

Più informazioni su

Alle 8,40 circa del 10 agosto 2020 gli Agenti della Polizia Locale di Bellaria, in seguito ad una richiesta telefonica pervenuta ai centralini della Polizia Locale di Bellaria, si sono recati presso il parco cittadino denominato “Is Arenas” sito in via Caprera intersezione via Milazzo dove sono stati individuati su una panchina i probabili autori materiali di furto di un borsello perpetrato poco prima presso uno stabilimento balneare di via Alfonso Pinzon a Bellaria/Igea Marina ad un turista 63enne bergamasco.

Il turista, aveva infatti appena finito di formalizzare denuncia querela in merito all’accaduto presso il Posto della  Polizia di Stato estivo di Bellaria/Igea Marina quale persona offesa dal reato, dove ha indicato gli autori del furto come “tre giovani”  che “si avvicinavano alla sua postazione, uno dei quali allungava il braccio sotto l’ombrellone e si impossessava del suo borsello in tela di colore nero, dopodiché tutti assieme scappavano verso la strada, fornendo un’accurata descrizione dei caratteri somatici dei ragazzi e del loro vestiario.

Agli Agenti della Polizia Locale si sono uniti per la ricostruzione dei fatti e l’individuazione dei rei gli equipaggi del posto di Polizia di Stato di Bellaria, aggregati a Rimini ed in servizio a Bellaria che sono giunti sul posto pochi minuti dopo in attesa di confrontare quanto di rispettiva conoscenza in ordine al furto consumato.

Avendo avuto contezza tutti delle descrizioni fornite dalla vittima descritte in denuncia e incrociati i dati con le informazioni della polizia Locale, si è proceduto ad invitare i tre ragazzi fermati, bergamaschi rispettivamente di 14, 16 e 17 anni, che per circostanza di luogo e di fatti, ovvero per le precise indicazioni fornite anche da altri utenti in strada, hanno risposto ai fatti per età anagrafica, abbigliamento e tratti somatici ovvero carnagione e luogo del rintraccio.

I tre ragazzi fermati sono stati invitati a mostrare quanto in loro possesso al fine di ritrovare oggetti e cose pertinenti al reato, non dopo aver sottolineato il danno che la persona anziana offesa ha patito, dopo aver confabulato hanno deciso di indicare il luogo dove avevano occultato il borsello dell’anziano turista, in un cespuglio distante circa 10 metri dalla panchina del parco.

Addosso ad uno dei due, nel pacchetto di sigarette che aveva in tasca, è stata ritrovata la somma di 320 euro, appartenente alla vittima. E’ stata ritrovata inoltre addosso al ragazzo 6,5 grammi di marijuana. Tutti e tre sono stati denunciati per furto aggravato in concorso e quello trovato in possesso della marijuana è stato segnalato come assuntore di sostanza stupefacente. Al termine degli atti accertamenti i minori sono stati messi a disposizione di un assistente sociale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.