Carabinieri di Riccione. Servizio straordinario di controllo del territorio: 5 arresti e 9 denunce

Più informazioni su

Dal pomeriggio di ieri alle prime luci dell’alba di questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Riccione hanno effettuato un servizio straordinario di controllo coordinato del territorio, finalizzato alla prevenzione dei reati contro il patrimonio ed in danno degli istituti di credito, e al contrasto dei reati in materia di sostanze stupefacenti ed in tema di sicurezza stradale.

Al termine dell’operazione di polizia, i militari dipendenti hanno arrestato in flagranza di reato L.R. M. N., originario del catanzarese, classe ’60, residente a Riccione, nullafacente, censurato. Nella circostanza, i Carabinieri della Stazione di Misano Adriatico, nel corso di un mirato servizio di osservazione, controllo e pedinamento nei confronti dell’individuo hanno sottoposto l’uomo ad una perquisizione personale e domiciliare, dopo averlo sorpreso mentre cedeva una piccola dose di cocaina ad un ventenne riccionese.

Immediatamente bloccato al di sotto della sua abitazione, i Carabinieri hanno scoperto che l’uomo nascondeva in casa una massa di 18 gr. di cocaina, pronta da lavorare, nonché di un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento e la somma contante di euro 500,00 in banconote di vario taglio, verosimilmente provento dell’attività illecita. L’uomo è stato quindi condotto in caserma dove, al termine delle formalità di rito, è stato arrestato e riaccompagnato presso il proprio domicilio per essere sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa della celebrazione del rito direttissimo di questa mattina. Ironia della sorte, al suo rientro in casa, l’uomo si è avvalso della presenza dei Carabinieri per far effettuare un sopralluogo di furto all’interno del proprio appartamento, messo a soqquadro durante il suo accompagnamento in caserma.

Arrestato dai Carabinieri P.R., pregiudicato nullafacente, originario del milanese, classe ’87, residente a Cattolica, insieme alla sua compagna convivente F. K., cagliaritana classe ’97, incensurata. Nei loro confronti, nella serata è scattata una perquisizione da parte dei Carabinieri di Cattolica che, insospettiti da un insolito via vai notato dall’appartamento della coppia, hanno deciso di effettuare un controllo dopo un prolungato servizio di osservazione. L’occhio attento dei militari ha consentito di appurare che all’interno dell’abitazione i due conviventi detenevano – nascosti in un guantone da boxe – 300 gr. di sostanza stupefacente tipo marijuana nonché di 94 gr. di olio di resina della medesima sostanza, oltre a tutto il materiale idoneo al confezionamento della droga. La coppia, chiusasi nel silenzio al controllo dei Carabinieri, è stata così dapprima condotta in caserma per le ritualità formali ed è stata successivamente riaccompagnata in regime di arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa del rito direttissimo innanzi al Tribunale di Rimini.

I Carabinieri hanno dato esecuzione a due ordini di carcerazione nei confronti di D.C. W., torinese domiciliato a Cattolica classe ‘62, pregiudicato, che deve scontare una pena complessiva di 1 anno e 4 mesi di reclusione, poiché condannato per un furto aggravato commesso ad Ancona in data 24 lug 2014 e di  MD. A.U., nato in Bangladesh, classe ‘64, domiciliato a Cattolica, che deve scontare una pena complessiva di 3 anni poiché responsabile del reato di rapina, commesso a Falconara Marittima nel 2008.

Nel corso del servizio coordinato, sono stati deferiti in stato di libertà, per il reato di furto aggravato E.M.H., romano classe 92, residente a Nocera Umbra, pregiudicato; Adouani Mohmed, pregiudicato tunisino classe ‘92; B.W. pregiudicato tunisino classe ’83. I tre sono stati riconosciuti dai Carabinieri della Stazione di Riccione, dopo la visione di alcuni impianti di videosorveglianza, come gli autori materiali di un furto di un pc, prelevato da una vettura in sosta in Piazzale Vittorini. Successivamente rintracciati in zona lungomare, i tre sono stati formalmente identificati e, sottoposti a perquisizione, sono riusciti a far perdere le tracce del maltolto.

Ancora, M.R., classe ‘98, originario del barese, è stato sorpreso e bloccato dai Carabinieri di Riccione, e successivamente denunciato in stato di libertà per il reato di danneggiamento, mentre tentava di allontanarsi da viale Castrocaro dopo che, durante una manovra con la propria autovettura, aveva urtato un palo dell’arredamento urbano dotato di specchio parabolico facendolo cadere a terra.

Altri due individui sono stati invece denunciati poiché sorpresi con oggetti atti all’offesa, indebitamente portati al seguito.

Tre utenti della strada non hanno poi superato la prova etilometrica risultando positivi all’alcool test. Nei loro confronti è scattato immediatamente il ritiro della patente di guida e la denuncia per guida in stato di ebrezza alcoolica.

Delle 107 persone controllate nel corso del servizio di controllo, altre sei sono state sorprese in possesso di modiche quantità di stupefacenti vari e segnalati all’Autorità amministrativa per le valutazioni del caso.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.