Riccione. Truffa delle mascherine. “Smascherati due italiani”

I Carabinieri della Stazione di Riccione, al termine di una attenta ricostruzione, hanno indagato, per il reato di truffa, F.A., 45enne riminese, e S.D., 38enne delle Repubblica di San Marino per il reato di truffa legato alla falsa vendita di DPI.

L’ “affaire” si era scatenato in pieno lock down, quando in tutto il paese facevano scalpore le lunghe file davanti alle farmacie per accaparrarsi la preziosa mascherina.

In questo contesto i due indagati si presentarono presso una farmacia di Riccione proponendo una partita di 5.000 mascherine chirurgiche ad un  prezzo vantaggioso, per un totale di circa euro 2.000,00. Il titolare della farmacia, dopo l’accordo, aveva provveduto al pagamento mediante bonifico, sicuro che con quella scorta avrebbe potuto far fronte con maggiore serenità all’esigenza di molti cittadini.

La fornitura, però, non è stata mai recapitata presso la farmacia e quindi il titolare ha sporto denuncia presso la locale Stazione Carabinieri, dando così vita all’attività investigativa, conclusa con la pronta identificazione dei truffatori oggi deferiti all’A.G.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.