Riccione. Risse e assembramenti nell’ultimo sabato in zona gialla. Minori denunciati e sanzionati

Più informazioni su

Nel pomeriggio di ieri 20 febbraio, i Carabinieri della Compagnia di Riccione hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio nei pressi delle principali vie della  “movida” riccionese, finalizzato alla verifica del rispetto delle misure di contenimento del Sars.cov.2, nonché al contrasto dei fenomeni di microcriminalità.

Nell’ultimo sabato in zona gialla, sono stati purtroppo numerosi gli interventi che hanno visti impegnati gli uomini dell’Arma per sedare focolai di risse andate in scena tra gruppi di adolescenti incitati dai fumi dell’alcool.

Nel corso del servizio E.A.Y,  17-enne,  di Misano Adriatico, già noto alle forze dell’ordine, è stato denunciato per i reati di violenza, oltraggio e resistenza a Pubblico ufficiale nonché di danneggiamento aggravato.

In particolare, intorno alle 18, i militari del N.O.R. – sezione radiomobile, sono intervenuti nei pressi del Palacongressi di Riccione, ove era stato segnalato un nutrito gruppo di giovani intento ad infastidire i passanti e irrispettosi delle vigenti normative.

I carabinieri hanno proceduto ad identificazione di un gruppo di giovani e dello stesso indagato il quale, dopo essersi rifiutato di fornire le proprie generalità, ha cominciato ad assumere un atteggiamento violento ed oltraggioso nei confronti dei militari, dimenandosi e colpendo con calci l’autovettura militare, provocando lievi danni alla carrozzeria del veicolo e mandando in ospedale due carabinieri.

Nello stesso pomeriggio i carabinieri sono intervenuti in via Catullo ove un giovane modenese, in compagnia della sua ragazza, mentre era a bordo della propria autovettura, fermo in prossimità dell’attraversamento pedonale, era stato accerchiato da un gruppo di giovani nordafricani ed uno di questi, avvicinatosi allo sportello lo ha colpito con un pugno al volto, provocandogli una vistosa ferita all’arcata sopraccigliare sinistra, successivamente medicata da personale 118, intervenuto in loco, e giudicata guaribile con prognosi di gg. 10 s.c..

I carabinieri, raccolta la descrizione dell’aggressore hanno condotto un’immediata attività di ricerca che ha consentito, nel corso della serata, di rintracciare ed identificare l’aggressore, la cui posizione è ora al vaglio degli inquirenti.

Nell’ambito del dispositivo, è stato sanzionato in via amministrativa il “Bar Tiffany”, lungo la Ss. 16 Adriatica, per aver proseguito nel servizio di somministrazione alla clientela dopo l’orario consentito.

Altri 3 soggetti, sono stati sanzionati in via amministrativa per il mancato rispetto delle disposizioni di divieto di assembramento e di cui al d.p.c.m. del 14 gen 2021.

I militari hanno ora avviato particolari indagini mediante acquisizione dei filmati degli impianti di videosorveglianza del centro, finalizzate all’identificazione degli oltre 70 giovani, per la gran parte minorenni, responsabili, nel pomeriggio di ieri, di reiterati episodi di rissa e assembramento presso i principali punti di ritrovo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.