Quantcast

Polizia di Rimini denuncia tre persone, sanziona un gestore e dispone la chiusura di un locale

Più informazioni su

Nella mattinata di sabato 3 luglio, durante il normale servizio di controllo e presidio del territorio, una volante della Polizia di Stato ha fermato per un controllo due cittadini di 20 e 18 anni originari dell’Albania, in quanto sprovvisti di validi documenti di identificazione, e non in regola, i due giovani sono stati accompagnati in Questura e messi a disposizione dell’ufficio immigrazione per i dovuti accertamenti. Durante la perquisizione personale, il 20enne è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico, di cui è vietato il porto, e pertanto denunciato in stato di libertà per porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

Nella serata di sabato, una volante ha accompagnato negli uffici della Questura per l’identificazione un 37enne originario della Romania, in quanto privo di documenti e in forte stato confusionale. Nell’attesa del personale sanitario chiamato per l’uomo, lo stesso, in un attimo di ira, ha colpito un dispositivo presente nell’ufficio, danneggiandolo, e per tale motivo è stato denunciato in stato di libertà per danneggiamento aggravato.

Nella serata del 6 luglio il personale della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale, è intervenuta nei pressi di un locale del Lungomare Tintori in quanto erano stati segnalati degli assembramenti. Sul posto gli agenti hanno accertato che era in atto un intrattenimento di musica e denza, gestito da un DJ che, a mezzo di consolle e diffusori acustici, suonava musica ad alto volume, intrattenendo circa 250 avventori che stazionavano in prossimità della postazione del DJ, diversi dei quali ballavano a ritmo di musica. Durante il periodo di osservazione, né il DJ, nè nessuno della gestione ha sollecitato gli astanti ad ottemperare al divieto di ballo previsto dalle attuali normative Anti-COVID. I poliziotti hanno proceduto così a sanzionare il gestore del locale e proceduto a disporre la chiusura per 5 giorni dell’attività per impedire la prosecuzione della violazione.

Nella notte del 6 luglio una volante è intervenuta sul lungomare Tintori all’altezza del bagno 8 per un furto. Sul posto, una ragazza di 17 anni originaria di Monza, ha riferito che poco prima, mentre si trovava in spiaggia con alcuni amici, si era accorta che qualcuno le aveva sottratto la borsetta, appoggiata a terra, contenente una carta di credito, documenti personali e vari beni. La ragazza ha dichiarato di nutrire forti sospetti nei confronti di uno straniero che, poco prima, le si era avvicinato chiedendole una sigaretta.

La minore ha descritto piuttosto dettagliatamente il soggetto che, poco dopo, è stato rintracciato dai poliziotti nei pressi di Piazzale Kennedy. L’uomo, un 25enne originario del Senegal, invitato a mostrare quanto in suo possesso, ha estratto dalle tasche la carta di credito e gli altri effetti personali appartenenti alla ragazza, riferendo di averli appena trovati abbandonati a terra. Accompagnato in Questura, l’uomo è risultato in regola con le vigenti normative in materia di immigrazione, venendo indagato in stato di libertà per ricettazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.