Quantcast

Le Rubriche di RiminiNotizie - La posta dei lettori

Le Uil di Ravenna-Cesena-Forli e Rimini ringraziano le forze dell’ordine per le operazioni contro la criminalità in riviera

Più informazioni su

Le Camere Sindacali Territoriali di Cesena Forlì Ravenna Rimini, esprimono gratitudine alla Guardia di Finanza di Rimini, per l’esito della importante operazione di contrasto alla criminalità, che ha interessato la nostra riviera. Si tratta di un risultato importante anche perché ripropone all’attenzione di tutta la comunità il tema della legalità.

A parere della Uil l’attenzione della comunità politica, economica e associativa, deve produrre uno sforzo maggiore per una sensibilizzazione che valutiamo ancora troppo timida. La regione Emilia Romagna ha una connotazione produttiva molto avanzata, con distretti economici diversificati in un territorio regionale molto articolato. Si tratta quindi di una regione molto attrattiva per chi è dedito al malaffare, e le operazioni di contrasto alla criminalità di questi anni dimostrano la presenza strutturale nei nostri territori di organizzazioni malavitose. Il tessuto produttivo e sociale viene così intaccato nelle sue fondamentali esigenze di tutela della legge per garantire il rispetto delle libertà individuali e collettive. Fattore tanto più importante se si considera che la ripresa post pandemia e i fondi del Pnrr, stanno portando e porteranno un rilancio dello sviluppo produttivo, dove per la Uil i temi fondamentali sono la qualità del lavoro, la sicurezza, l’occupazione, la redistribuzione, l’inclusione nel sistema produttivo di giovani e donne e il rilancio del welfare di comunità. Da tutte e queste esigenze, fondamentali per le persone e per la coesione sociale, la malavita e la criminalità più o meno organizzata, devono essere espulse con radicalità, attraverso una organica, condivisa, sinergica azione di condivisione di valori e azioni.

A nostro parere sulle compravendite sospette di attività economiche, deve essere fatto uno sforzo più concreto ed efficace, a partire dal mondo delle rappresentanze di interessi associativi. Deve fare riflettere il fatto che l’indagine, stando alle notizie stampa, sia potuta partire, dalla coraggiosa ed encomiabile denuncia di un lavoratore, minacciato per avere esercitato il diritto alla retribuzione. Fa inoltre riflettere che operazioni di compravendita di hotel, e di gestione di molteplici attività economiche, con ipotesi di riciclaggio di denaro, non debbano trovare ostacoli, segnalazioni, e sospetti preventivi, da parte del sistema delle rappresentanze istituzionali o associative, che blocchino sul nascere queste degenerazioni, prima che arrivino a colpire, lavoratrici, lavoratori o cittadini. Ribadiamo quindi il nostro sostegno e il nostro ringraziamento a tutte le forze dell’ordine, e a tutti gli organi giudiziari, sempre più convinti delle nostre reiterate richieste di rinforzarne gli organici, le dotazioni, le strumentazioni, anche per incrementare l’attività di vigilanza sul lavoro e sul rispetto della sicurezza sul lavoro. Per la Uil lo strumento del Patto per il lavoro regionale con le sue declinazioni territoriali, rimane lo strumento dove risollecitare, uno scatto deciso a favore di una maggiore attenzione, con azioni concrete per il rispetto della legalità.

Il Segretario      Il Segretario                     Il Segretario              Il Segretario
UIL Forlì            UIL Cesena                      UIL Ravenna             UIL Rimini
Enrico Imolesi   Marcello Borghetti        Carlo Sama                Giuseppina Morolli

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.