Quantcast

Morto il faentino Sante Tura, tra i padri dell’ematologia italiana

Più informazioni su

Nella notte tra l’11 e il 12 ottobre è morto all’età di 92 anni nella sua casa a Bologna il professore Sante Tura, uno dei padri dell’ematologia italiana. A darne notizia la famiglia. Nella sua lunga carriera è stato professore dell’Università di Bologna, direttore dell’Istituto ematologico del Policlinico Sant’Orsola di Bologna, fondatore e direttore dell’Istituto “L. e A. Seràgnoli”.

Fin da giovane laureato nel 1954 si è dedicato allo studio dell’ematologia con entusiasmo e passione. Si è impegnato nell’applicazione delle terapie più all’avanguardia ed è stato anche chiamato il “guardiano del sangue”.

“L’ematologo faentino Sante Tura ci ha lasciato questa notte” -esordisce il sindaco di Faenza, Massimo Isola, nel proprio intervento su facebook- Uno dei padri della moderna ematologia, ha contribuito alla scoperta e all’introduzione di terapie all’avanguardia. Il dottor Tura ha sempre mantenuto i rapporti con la sua città natale ed è stato un grande professore nella formazione di molti medici, ma anche un esempio e un mentore grazie alla sua umanità, al suo intuito, alla sua determinazione.
Oggi la medicina italiana ha perso un grande medico, il suo “guardiano del sangue”.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.