Quantcast

Carabinieri di Novafeltria denunciano due truffatori di internet

Più informazioni su

I Carabinieri della Compagnia di Novafeltria hanno scoperto e denunciato due truffatori della rete. Nello specifico sono state portate a compimento due indagini da parte dei Carabinieri della Stazione di Villa Verucchio e della Stazione di Pennabilli.

Nel primo caso, un 48enne residente a Verucchio aveva tentato di vendere un kit di cerchi enduro per moto su un noto sito di e-commerce, al prezzo di 450 euro. Si era presto rivolto a lui uno sconosciuto che asseriva di essere molto interessato all’acquisto. Il truffatore ha così invogliato la vittima a proseguire nella propria trattativa. Nella circostanza il truffatore, contattando telefonicamente il venditore, ha indotto l’uomo a recarsi presso uno sportello bancomat e tenendolo al telefono gli ha fornito specifiche indicazioni sulle operazioni da compiere.

Al termine di queste incaute manovre, il malcapitato ha stampato l’estratto conto, in maniera da poter verificare l’avvenuto guadagno, rendendosi conto invece di non aver arricchito il proprio conto ma di aver versato 2.550 euro in bonifici indirizzati verso una carta di credito bancaria. Accortosi della truffa si è rivolto immediatamente alla Stazione dei Carabinieri di Villa Verucchio dove ha formalizzato la denuncia. Sono partiti i dovuti accertamenti anche di natura bancaria che hanno portato all’identificazione dell’autore del raggiro, un 22enne torinese, che se pur giovane aveva al suo attivo diverse truffe col medesimo “modus operandi”.

Il secondo caso è invece avvenuto a Pennabilli ad un 47enne del posto. Lo stesso, il pomeriggio dello scorso mese, mentre si trovava comodamente nella sua abitazione assieme alla famiglia, ha ricevuto una chiamata sulla sua utenza cellulare e quale interlocutore si è presentato un fantomatico impiegato bancario dell’istituto di credito nel quale ha il conto corrente. Il malcapitato, ignaro della truffa, seguendo le indicazioni telefoniche che gli sono state fornite, dapprima ha appreso che nel giro di qualche giorno avrebbe ricevuto una nuova carta di credito e successivamente è stato indotto a comunicare all’interlocutore il codice Pin della sua carta bancomat.

L’autore del fatto, in realtà, carpendo la buona fede della vittima ha proceduto, in questo modo, ad effettuare nell’immediatezza tre prelievi bancari presso uno sportello Bancomat dell’importo di euro 1000 cadauno. Solamente nella serata, il pennese, ha compreso di essere stato truffato e si è recato presso lo sportello bancario del paese per effettuare un estratto conto. L’uomo notato l’ammanco non ha potuto far altro che chiedere aiuto ai Carabinieri denunciando l’accaduto. Grazie ad una serie di riscontri investigativi, anche di natura bancaria, gli agenti sono riusciti ad identificare il truffatore in un 61enne residente nel napoletano, già gravato da specifici precedenti ed a denunciarlo alla Procura.

Gli episodi descritti costituiscono utile occasione per invitare i cittadini, potenzialmente coinvolti in casi analoghi, a rivolgersi immediatamente alle Stazioni dell’Arma o a inviare segnalazioni al Numero Unico di Emergenza “112”, così da consentire di poter attuare indagini tempestive e risolutive in ordine a tali condotte subdole, utili per poter risalire ai responsabili di questi reati.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.