Controlli dei Carabinieri durante il Weekend della Notte Rosa: in provincia di Rimini nessuna criticità significative

Si è concluso nella tarda serata di domenica il weekend di straordinario impegno per i militari del Comando Provinciale di Rimini che, in concomitanza con la “Notte Rosa”, in linea con quanto stabilito nell’ambito del Comitato Provinciale e nelle riunioni tecniche convocate dalla Questura di Rimini, ha visto impiegati nell’intera provincia poco meno di 200 militari (in servizio di ordine pubblico e di controllo del territorio), compresi i militari e le Squadre di Intervento Operativo (SIO) del Reggimento Carabinieri “Emilia Romagna” e del Battaglione “Veneto” nonché, sempre dal Reggimento di Bologna, le Squadre Operative di Supporto con incarichi antiterrorismo ed unità di ordine pubblico.

L’attività nel suo complesso non ha registrato criticità significative. Solo nella notte tra sabato e domenica nel centro di Riccione si è generato il concentramento straordinario di diverse centinaia di giovani, per lo più stranieri e italiani di seconda generazione, per gestire il quale, oltre al dispositivo dei Carabinieri già presente nella “perla verde”, sono successivamente giunti contingenti di rinforzo della Polizia di Stato già dispiegati su Rimini, agli ordini dei rispettivi funzionari, che hanno consentito il deflusso senza incidenti della massa di giovani presenti, la maggior parte dei quali sono saliti sui treni in direzione nord.

Il dispositivo di ordine pubblico dei carabinieri è stato rafforzato con pattuglie dei reparti e nuclei operativi provinciali e delle compagnie, anche in abiti civili, allo scopo di contribuire al presidio ed al controllo delle spiagge e dei luoghi di aggregazione anche nelle ore notturne, per il contrasto dei reati predatori e le violenze contro le persone.

A Rimini

I militari della Sezione operativa del NORM sono intervenuti per una lite in strada all’esito della quale hanno denunciato una 25enne italiana ma di origini straniere, che in stato di forte agitazione psico-fisica aveva aggredito senza evidente motivo due turisti nonché i militari intervenuti sul posto. La donna è stata denunciata a piede libero all’A.G. di Rimini e trattenuta presso l’ospedale per essere sottoposta agli accertamenti sanitari obbligatori al fine di prendersi cura della sua salute.
sempre i carabinieri della Sezione Operativa hanno tratto in arresto un ragazzo straniero per tentata rapina. Il giovane, dopo essersi avvicinato ad un gruppo di ragazzi italiani, con la c.d. tecnica dell’abbraccio ha strappato con forza la collanina ad uno dei giovani turisti cercando poi di darsi alla fuga. Non sapeva, però, di aver scelto le vittime sbagliate poiché si trattava di un gruppo di Allievi marescialli dei Carabinieri della Scuola di Firenze che stava trascorrendo un periodo di vacanza sulla riviera romagnola, i quali lo hanno inseguito e bloccato richiedendo l’ausilio dei colleghi della territoriale che hanno arresto in flagranza il presunto rapinatore.

A Misano Adriatico

Un minorenne del luogo, sorpreso dai carabinieri della locale Stazione intento a spacciare ad un coetaneo gr.0,3 hashish e gr.1 marijuana. La successiva perquisizione personale dell’indagato ha poi consentito di recuperare ulteriori gr.63 di marijuana e gr. 68 di hashish, già predisposti per la cessione a terzi.

Due pregiudicati italiani, di cui uno già domiciliato presso la comunità di San Patrignano, sono stati arrestati rispettivamente dai carabinieri della Stazione di Coriano e della Tenenza di Cattolica poiché destinatari di provvedimenti di carcerazione per espiazione di cumulo di pene per condanne definitive con ripristino dell’espiazione della pena in carcere.

A Riccione

Un italiano, con precedenti di polizia, sorpreso nei pressi di un locale notturno del Marano, in possesso di un notevole quantitativo di diverse tipologie di stupefacenti, è stato arrestato. L’uomo, notato dai carabinieri delle Squadre di Intervento Operativo, alla vista delle divise a provato a disfarsi di un sacchetto gettandolo sotto la gazzella dei carabinieri. Ma la mossa, per quanto repentina, è stata notata immediatamente dai militari che, recuperato l’involucro, vi hanno rinvenuto circa 15 gr. di marijuana. Quindi l’uomo è stato perquisito e trovato in possesso di ulteriori gr. 15 circa di hashish e 10 gr. di cocaina. Tutto lo stupefacente era già suddiviso in dosi pronte per la cessione a terzi.

Sempre nell’ambito dei servizi di prevenzione, sono stati deferiti in stato di libertà:

A Riccione 4 minorenni, due originari del bolognese e due di Reggio Emilia, indagati per i reati di rapina, porto abusivo di oggetti atti ad offendere e lesioni personali. In particolare, intorno alle ore 06:00 i carabinieri hanno bloccato i quattro in Piazzale Roma A Riccione poiché intenti a rincorrersi e malmenarsi. Sottoposti a successiva perquisizione personale, i due bolognesi sono stati trovati in possesso di altrettanti coltelli a serramanico con cui – per come emerso dalle prime indagini – alle precedenti ore 05:00, uno di loro aveva procurato una lieve ferita da taglio al fianco dx di uno dei rivali. Il ferimento sarebbe scaturito dalla reazione alla rapina di un telefono cellulare e di capi di abbigliamento che i due minori della provincia di Bologna sostenevano di avere subito da un gruppo di altri ragazzi, composto anche da altre persone al momento non identificate, cui appartenevano gli altri due giovani fermati;
A Coriano un albanese domiciliato in Italia, sorpreso dai carabinieri con una piccola dose di cocaina ma con la somma in contanti di circa 18.000 euro nonché di tutto l’occorrente per il confezionamento dello stupefacente. L’uomo è stato indagato per l’ipotesi di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
A Cattolica i militari della Tenenza hanno sorpreso per le vie del centro un minore della provincia di Pesaro in possesso di grammi 6,00 di hashish suddiviso in dosi pronte per la cessione a terzi;
A Riccione un uomo del luogo sorpreso in possesso di un coltello da cucina da parte dei militari intervenuti, presso un locale da ballo di via Torino, per sedare una lite in atto tra giovani.
Due utenti della strada risultati positivi alla prova etilometrica, con conseguente ritiro della patente di guida.

A partire da ieri il Comando Provinciale potrà contare su 66 allievi Marescialli della Scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze che andranno a implementare il personale delle Stazioni Carabinieri capillarmente distribuite in Provincia, che vanno ad affiancarsi ai 20 militari inviati in supporto dal comando regionale ed ai 15 delle squadre SIO dei Reggimenti Carabinieri che operano sulla riviera da diverse settimane.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.