Gli antichi frutti d’Italia si incontrano di nuovo a Pennabilli il 26 e 27 settembre nel nome di Tonino Guerra

Più informazioni su

“Gli Antichi Frutti d’Italia si incontrano a Pennabilli”, la manifestazione dedicata agli antichi frutti e alle tradizioni contadine torna il 26 e 27 settembre nel borgo del poeta e sceneggiatore Tonino Guerra.  Un’edizione definita, non a caso, “Speciale”, perché nonostante le difficoltà dell’anno, si è voluto ugualmente riproporre la manifestazione, per omaggiare con “il Viaggio Luminoso” i Cent’anni di Tonino Guerra, che amava questo luogo così tanto, da averlo scelto come sede “di vita” e di suggestioni poetiche. “L’ammirazione di Tonino Guerra per il mondo contadino non mancava mai nelle sue esternazioni – racconta Andrea Guerra, Presidente dell’Associazione Tonino Guerra – Per mio padre, infatti, i migliori custodi della terra sono sempre stati i contadini che curano paesaggio e campagna. La manifestazione vuole essere, dunque, un invito a riacquistare il contatto con le nostre radici, con la terra e con il passato, riscoprendo la capacità assopita di apprezzare il sapore di frutti veri, che sprigionano umori e sensazioni autentici inebriandoci di dolcezza e antica sapienza”.

L’evento è organizzato dall’Associazione Tonino Guerra, in collaborazione con i comuni di Santarcangelo di Romagna e Pennabilli, Fondazione Fo.CU.S, il contributo della Regione Emilia – Romagna, del Parco Interregionale del Sasso Simone e Simoncello e Coldiretti, con la direzione artistica di Luca Cesari (saggista, scrittore e docente di estetica) e Massimo Pulini (pittore e storico dell’arte). La XIII edizione “speciale” anche quest’anno porta a Pennabilli un programma ricchissimo che prevede, oltre al mercato degli antichi frutti, mostre tematiche, incontri culturali e scientifici dedicati all’agricoltura, alla biodiversità, al paesaggio, alle tradizioni eno-gastronomiche. Sono previsti, inoltre, dimostrazioni con materiali naturali, attività creative per bambini, conversazioni poetiche, spettacoli di musica e parole.

PROGRAMMA SABATO 26 SETTEMBRE 2020

Si apre la giornata alle 14.00 con l’inaugurazione della Mostra Pomologica e della Biodiversità, presso la settecentesca Chiesa di San Filippo, a Pennabilli. Alle 15.00 al via la Festa alll’Orto dei Frutti Dimenticati, alla presenza delle autorità e dei rappresentanti dell’Associazione Tonino Guerra, Coldiretti e Parco Sasso Simone e Simoncello. Seguirà la conversazione con Carlo Petrini, detto Carlin, fondatore di Slow Food su Ecologia Integrale. La serie di appuntamenti previsti per il sabato pomeriggio proseguirà sempre all’Orto dei Frutti Dimenticati con l’incontro dal titolo “La Valle pensante”, che si compone di tre momenti orchestrati da Massimo Pulini: “Arte Sella, un nido per l’arte” con Emanuele Montibeller, fondatore di Arte Sella; a seguire “La natura in una stanza. Le collezioni dei tre regni nella tradizione museale” con il Direttore del Museo Civico di Storia  Naturali di Ferrara, Stefano Mazzotti; per chiudere “Archeologia Arborea: da un frutto, tante storie di arte, tradizione e cibo” con Isabella Dalla Ragione, Presidente della Fondazione Archeologia Arborea.

Alle 21.00, proiezione del film “Buongiorno, tira il vento” di Mikheil Mrevlishvili. In anteprima assoluta sarà proiettato il documentario, ancora in fase di lavorazione, del regista georgiano che raccoglie testimonianze di amici e artisti che hanno collaborato con il grande poeta Tonino Guerra, protagonista del lungometraggio con i suoi racconti sul senso della sua arte.

PROGRAMMA DOMENICA 27 SETTEMBRE 2020

La mattina di domenica alle 11.00 l’Omaggio a Emilio Ambasz. Sarà, infatti, consegnato il Premio “Una foglia contro i fulmini” – già conferito a Luis Sepúlveda e Marc Augé – al grande Maestro di Architettura e di Design internazionale, Emilio Ambasz. Premiato di recente con il “Compasso d’oro”, Emilio Ambasz, architetto argentino, vanta oltre 220 brevetti industriali e meccanici. Considerato il padre, poeta e profeta della green architecture sarà a Pennabilli per la prima volta e converserà con Raffaele Milani, professore ordinario di Estetica all’Università di Bologna e filosofo del paesaggio sul tema “Natura e Architettura”. Introduce lo scrittore e saggista Luca Cesari.

UN OMAGGIO AD EZIO BOSSO, CON PAOLO FRESU

Nel primo pomeriggio, alle 15.00 l’Orto dei Frutti Dimenticati ospiterà l’Omaggio a Ezio Bosso.  Il compositore e figlio di Tonino, Andrea Guerra insieme al grande jazzista e trombettista Paolo Fresu daranno vita ad una dedic ad Ezio Bosso. Il Maestro Bosso, amico dell’evento a cui ha partecipato regalando momenti di vera poesia, verrà ricordato con la sua musica.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.