Rimini. Al via procedure per attivare il servizio di noleggio di monopattini elettrici free floating

Più informazioni su

Il Comune di Rimini ha avviato un’indagine di mercato per l’individuazione dei soggetti interessati alla gestione del servizio sperimentale di noleggio monopattini elettrici, in sistema di free floating, sul territorio comunale. Da oggi è infatti in pubblicazione sul sito web dell’ente l’avviso pubblico con cui vengono definite le caratteristiche del servizio sperimentale e dei mezzi nonché le modalità d’utilizzo, gli obblighi e la durata del servizio. 

 

Gli operatori economici in possesso dei requisiti richiesti manifestare il proprio interesse alla gestione del servizio inviando la proposta di gestione del servizio di sperimentazione di monopattini elettrici le 13,30 di sabato 20 luglio prossimo. “Un’opportunità che – ha detto l’assessore alla Mobilità Roberta Frisoni – ci è sembrato importante cogliere seppur ancor in un quadro normativo generale in fase di definizione. In attesa della pubblicazione del Decreto in Gazzetta Ufficiale, vogliamo però farci trovare pronti quando sarà possibile dare attuazione alla sperimentazione, considerando l’importanza dello sviluppo dei servizi di sharing sul territorio comunale. Per questo abbiamo avviato le procedure per consentire la selezione di aziende che offrono servizi di noleggio monopattini in modalità sharing e “free-floating”, ovvero a flusso libero, cioè con possibilità di restituire il monopattino in punti diversi da quello di prelievo, da mettere a disposizione di residenti, cityuser e turisti.”

 

Il nuovo sistema, che tra gli obiettivi ha quello di consentire spostamenti brevi in monopattino per connettersi anche agli altri sistemi di trasporto pubblico presenti, dovrà fornire una modalità efficiente per il noleggio dei monopattini con una possibilità di pagamento per la quale è prevista una tariffa minima di utilizzo e una tariffazione al minuto. Una modalità di pagamento che dovrà avvenire avvalendosi di supporti digitali, realizzando così un sistema di monopattini a noleggio di ultima generazione, basato sull’utilizzo di monopattini elettrici, dotati di interfaccia di bordo con il sistema di gestione offrendo le opportune informazioni per favorire un uso più ampio possibile per gli utenti. Il numero massimo previsto è di 1000 monopattini circolanti sul territorio comunale, tuttavia l’Amministrazione si riserva di autorizzare, specie in occasione di particolari eventi, aumenti temporanei della flotta dei veicoli in circolazione messi a disposizione dagli operatori autorizzati, riservandosi la facoltà di contattare anche gli operatori seguenti in graduatoria.

 

La flotta deve essere composta da mezzi completamente elettrici omologati e dotati di regolatore di velocità, aventi la possibilità di bloccare la velocità da remoto vincolando la massima velocità a 15km/h. Diverse le modalità d’uso previste dal bando per l’utilizzo dei monopattini, in linea con quanto previsto dal Decreto firmato dal Ministero dei Trasporti, tra cui la maggiore età o, se minorenni, il possesso almeno di patente di categoria AM; il divieto di trasportare passeggeri, cose o utilizzare il monopattino come traino. I monopattini dovranno mantenere un andamento regolare in relazione al contesto di circolazione e devono evitare manovre brusche ed acrobazie e devono attenersi al rispetto delle velocità stabilite in ciascuna area di transito. Dopo il tramonto a mezz’ora prima del suo sorgere il conducente dei dispositivi elettrici che circoli su strade ove è previsto un limite di velocità massimo di 30km/h o su pista ciclabile ha l’obbligo di indossare il giubbotto o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilità. I monopattini dovranno essere posizionati accompagnandoli a mano, in prossimità delle rastrelliere per le biciclette e degli stalli riservati ai ciclomotori e motocicli, nelle aree subito fuori dai parchi a patto che non rechino intralcio alla normale circolazione ed è vietato parcheggiare i monopattini nei parchi, sulle piste ciclabili e lungo il marciapiede lato mare del lungomare. Nel caso in cui i monopattini non siano correttamente posizionati nella fase i sosta saranno rimossi come da normativa del Codice della Strada e verrà elevata la relativa sanzione nei confronti dell’utente.

 

Le aree di circolazione che il Comune di Rimini intende autorizzare in via sperimentale la circolazione dei dispositivi per la micro mobilità elettrica con una velocità consentita non superiore a 15km/h sono la pista ciclabile del lungomare sud da Miramare (lungomare Spadazzi) fino l’incrocio con Via Faenza; la pista ciclabile del lungomare sud dall’incrocio con Via Siracusa fino Piazzale Boscovich; la pista ciclabile lungo via destra del porto fino al Ponte dei Mille; la pista ciclabile del lungomare nord a Viserbella e nei percorsi ciclopedonali dei parchi Renzi Madre Elisabetta, Maria Callas, Alcide Cervi, Olga Bondi, Fabbri, Poderi della Ghirlandetta. La definizione puntuale della sperimentazione, incluse le aree interessate e le modalità di utilizzo dei monopattini elettrici da parte di singoli cittadini, noleggiatori, operatori di sharing mobility etc., avverrà tramite una apposita Delibera di Giunta Comunale che sarà adottata a seguito dell’entrata in vigore del Decreto Ministeriale.

 

Il bando integrale è pubblicato suhttps://www.comune.rimini.it/comune-e-citta/comune/gare-appalti-e-bandi/avviso-201927

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.