Nuovo Dpcm. Confesercenti: “colpisce settore già in difficoltà”, Confcommercio: “mazzata per bar, catering, pub”

Più informazioni su

A seguito del nuovo Dpcm varato dal Governo, il presidente della Confesercenti Rimini, Fabrizio Vagnini, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“La chiusura di fiere e sagre prevista dal nuovo Dpcm ci coglie del tutto di sorpresa e colpisce un settore già in difficoltà come quello del commercio su area pubblica.

Queste attività dal 18 maggio hanno seguito tutti i protocolli di sicurezza e, laddove non si potevano garantire, non sono state aperte. Inoltre, non ci sono informazioni di focolai causati in questi luoghi che si svolgono peraltro all’aperto e nel rispetto dei protocolli vigenti. Non ci sono stati, infatti, momenti di tensione nelle iniziative svolte né necessità d’intervento da parte delle forze dell’ordine per evitare assembramenti e disapplicazione delle normative.

Non capiamo perciò il motivo per cui si è voluto colpire così duramente questo settore e chiediamo che la Regione si faccia interprete verso il Governo dell’assurdità di questa scelta.”

Sagre e fiere rappresentano uno straordinario volano di promozione del territorio e occasioni importanti per la commercializzazione dei prodotti tipici e questo è il periodo più intenso per queste attività. Il blocco rappresenta perciò, a giudizio dil’Associazione nazionale commercio su aree pubbliche (Anva) di Confesercenti, un duro colpo all’economia locale”.

Anche Gianni Indino, presidente Confcommercio della provincia di Rimini, commenta il nuovo DPCM:

“Se da una parte questo nuovo Dpcm scongiura quel coprifuoco notturno che per giorni ha aleggiato sulle teste degli italiani facendo perdere ulteriore fiducia e consumi – spiega il presidente di Confcommercio della provincia di Rimini, Gianni Indino – non possiamo essere soddisfatti per la ratio con cui è stato composto. Confermando la chiusura dei locali pubblici alle 24 non si fa altro che chiudere luoghi sicuri, in grado di ottemperare alle disposizioni e di controllare distanziamento e uso dei dispositivi di protezione dei propri avventori. Abbiamo dimostrato di riuscire a rispettare le norme e chi non lo ha fatto è giusto che paghi. Ma non possono pagare tutti.

Ci fanno chiudere tutti i locali a mezzanotte: dove andrà dopo la gente, i giovani in particolare? Ovviamente in giro, come facevano ieri, come fanno oggi e come faranno domani, magari con qualche bottiglia acquistata nei market. Insieme alle nostre difficoltà, capiamo quindi anche quelle palesate dai sindaci, che si troveranno a dover rincorrere le persone chiudendo prima una piazza, poi un parco, il giorno dopo una via cittadina dove giocoforza la gente si sarà spostata. Per questo da parte nostra c’è massima disponibilità nei confronti delle amministrazioni locali del territorio per ragionare insieme e cercare soluzioni opportune e condivise, come già sta avvenendo in queste ore.

Questo provvedimento ci sembra una nuova assurdità, che fa il paio con la novità dei 6 posti a sedere per ogni tavolata e il cartello obbligatorio con il numero massimo degli avventori dentro al locale. Misure che abbassano ancora una volta la capacità di reddito di molte imprese e allo stesso tempo aggiungono burocrazia. Qual è il numero esatto dei posti disponibili? Difficile dirlo: difficile dare seguito a misure cavillose al limite dell’inapplicabilità. Come difficile sarà quantificare il danno di un nuovo ricorso massiccio allo smart working che per i pubblici esercizi, ora costretti a chiudere in orario notturno, significa la perdita del fatturato che deriva delle pause pranzo che i più faranno in casa propria. Il nuovo blocco delle attività congressuali poi, può affossare definitivamente anche quel comparto che faticosamente stava ripartendo con tutti i protocolli del caso.

La situazione che stiamo vivendo impone serie riflessioni. Vale la pena accanirsi sulle attività, soprattutto quando si lascia tutto invariato per il settore del trasporto pubblico, su bus e treni che vedono assieparsi sopra gli stessi ragazzi che a mezzanotte però non si possono sedere a bere una birra al tavolo di un pub, seppur distanziati?

I pubblici esercizi non possono ancora una volta accollarsi tutto il peso della pandemia ottenendo in cambio dallo Stato poco o niente. L’ultimo Dpcm avrà un effetto devastante su bar, catering e soprattutto su pub e sulle imprese dell’intrattenimento. Parliamo di una mazzata sui fatturati dei pubblici esercizi da 470 milioni ogni mese a livello nazionale. Se questo governo fosse in grado di stanziare adeguati ristori alle attività economiche a copertura dei mancati incassi per consentire loro di rimanere in vita sino alla reale ripartenza, si potrebbe ragionare anche su misure più rigide per lassi di tempo contenuti. Ma così non è: è già stato ampiamente dimostrato nei mesi scorsi. Così, ogni restrizione alle attività diventa un colpo mortale per le imprese e per tutto il Paese”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.