Quantcast

Il martedì del Buon Vivere dedicato all’economia con Valentina Furlanetto, Carlo Cottarelli, Marianna Aprile, Diana Cavalcoli ed Elasti

Più informazioni su

Martedì 14 settembre la giornata del Festival del Buon Vivere è interamente dedicata ai temi dell’economia.

Alle 10.30 la presentazione del libro “Noi schiavisti. Come siamo diventati complici dello sfruttamento di massa” (Laterza) di Valentina Furlanetto, a intervistare l’autrice il giornalista Corrado Ravaioli. Gli spaccapietre cinesi, i braccianti macedoni, le badanti ucraine, i rider africani, i bengalesi nei cantieri navali, gli allevatori sikh.
Da una parte la necessità delle aziende di competere a livello globale sui mercati, dall’altra la rivoluzione digitale, da un’altra ancora la possibilità di usufruire di servizi e merci a prezzi bassi ci portano a nuove forme di schiavismo, più sottili, più opache, talvolta legalizzate. Attraverso le storie e le testimonianze di questi lavoratori emerge un paese che utilizza gli schiavi perché servono a tutti.

Alle 18.30 la Chiesa di San Giacomo accoglie “All’inferno e ritorno”, la presentazione dell’omonimo libro di Carlo Cottarelli condotta da Marianna Aprile con l’intervento di Martina Morano Pignatti (Presidente Comitato Etico di Banca Etica). Oggi, mentre il mondo che conosciamo sembra al collasso, dobbiamo essere all’altezza delle misure necessarie ad ammortizzare la crisi economica, con interventi di lunga durata e con una rapida capacità di attuazione. Dobbiamo chiederci perché non ci sia (ancora) stata una crisi finanziaria. E, a proposito dell’Italia, quanto può salire ancora il debito pubblico? Di certo abbiamo davanti a noi la responsabilità della ricostruzione. Carlo Cottarelli si pone al confine tra il mondo che crolla e il mondo che verrà dopo. Precipitati nel baratro dell’emergenza, abbiamo una grande opportunità: correggere molti errori ripetuti nel passato per aprire strade che accompagnino il nostro Paese in un futuro migliore. L’Italia ha bisogno di tornare a crescere, ma in modo sostenibile dal punto di vista sociale, finanziario e ambientale. In collaborazione con Vem Sistemi.

Alle 21, per il format “Il punto di vista della virgola”, l’incontro “Economia Femminile Plurale. Le parole, le immagini e la musica per raccontare il rapporto donna/economia”. Condotto dalla giornalista del Corriere della Sera Diana Cavalcoli e con Claudia De Lillo (Elasti) (video collegamento), Valentina Furlanetto (Radio 24 – Il Sole 24 Ore), Massimiliano Valerii (Direttore Censis).
Con i contributi giornalistici di: Sabika Shah Povia, con la compagnia musicale di Elena e Francesco Faggi, le tavole originali di Fumettibrutti e le pillole video di Drusilla Foer.

Inoltre: ore 15 “Customizza la tua maglietta del Buon Vivere”, un laboratorio a cura di Dress Again con sarte esperte e tirocinanti. Alle 16 solo on line, “Ripresa Femminile Plurale”, il ruolo della imprese femminili nel rilancio del paese, introduce Monica Fantini con Gilda Gallerati (Presidente del Comitato Unico di Garanzia del Ministero dello Sviluppo Economico), Tiziana Pompei (Vice Segretario Generale e Responsabile Osservatorio Imprenditoria Unioncamere), Annalisa Casino (Presidente Commissione Pari Opportunità Legacoop), modera Dora Iacobelli (Direttrice Progetti Coopf). A cura di Coopfond.

Ore 20.30 “Alta moda perché etica”, forum su come e perché orientarci verso una moda sostenibile e etica e quadri viventi, a cura di DRESS AGAIN. Alle 21 “Ebe e la stanza segreta” con Mirna Milandri, a cura di Comitato quartiere Ravaldini. Infine alle 21 al BV arena “Andata e ritorno, storia di una donna”, uno spettacolo di teatro civile scritto e diretto da Fabiola Crudeli in occasione dei 30 anni della diaspora albanese, a cura della Compagnia Fuori Scena.

Mercoledì alle 10.30 Corrado Ravaioli intervista Teresa Ciabarri e presenta il suo libro “Sembrava bellezza”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.