Quantcast

Educazione Finanziaria: è a Rimini il Meeting Nazionale per Commercialisti

Nell’ambito degli incontri di ottobre dedicati a livello nazionale al “Mese dell’ educazione finanziaria”, si svolge a Rimini dalla mattina di oggi, sabato 23 ottobre, presso l’hotel Savoia, il Meeting Nazionale per Commercialisti organizzato dall’associazione My Mind My Investiment.

La giornata, dal titolo “Educazione Finanziaria & Commercialisti. Un cambio epocale nella tutela di investitori e risparmiatori”, si aprirà con il saluto di Stefano Fabbri, Presidente dell’Associazione My Mind My Investment.

Seguiranno tre Tavole Rotonde alle quali interverranno prestigiosi relatori provenienti da importanti testate, dai vertici del sistema finanziario e della Consob, oltre ad imprenditori, professori universitari e commercialisti con cariche istituzionali.

“Educazione Finanziaria: la grande asimmetria informativa tra risparmiatori e industria finanziaria”, “Il Comportamento come elemento decisivi quando si investe” e “Il commercialista del Terzo Millennio” sono i titoli dei tre appuntamenti che vedranno la partecipazione, tra gli altri, di Giuseppe Ghisolfi, vicepresidente europeo e consigliere mondiale delle Casse di risparmio; Paola Soccorso, rappresentante CONSOB – Comitato per l’Educazione Finanziaria; Enrico Maria Cervellati, esperto di finanza comportamentale e professore di economia dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e professore associato all’Università degli studi Link Campus University Roma; Andrea Aureli, imprenditore SCM Group; Franco Bulgarini, esperto di finanza comportamentale applicata; Lorenzo Sirch, commercialista Membro del Consiglio Nazionale ODCEC con Delega nella finanza; Simona Bonomelli, commercialista presidente ODCEC Bergamo; Gabriele Bonoli, commercialista segretario ODCEC Firenze e Stefano Fabbri, commercialista presidente Associazione My Mind My Investment.

Nel corso della mattinata, inoltre, Debora Rosciani, giornalista e voce di Radio 24 (Il Sole 24 ore) dove conduce con Mauro Meazza “Due di Denari”, una rubrica di approfondimento quotidiano dedicato alle questioni finanziarie della famiglia, presenterà il suo ultimo libro “Investire è Facile”. Una sorta di catalogo-dizionario scritto a quattro mani con il collega Mauro Meazza (caporedattore de Il Sole 24 Ore) semplice e affidabile per provare a non perdere la bussola del risparmio, anche in tempi di pandemia.

La partecipazione all’evento è gratuita. E’ obbligatorio essere muniti di green pass.

Alcuni dati – Il report 2020 di Bankitalia su alfabetizzazione finanziaria della popolazione, ci dice l’Italia è penultima tra i 26 Paesi dove si è svolta l’indagine. Solo il 44% della popolazione ha competenze sufficienti in questo campo. Il 21% di loro è escluso da ogni conoscenza finanziaria, incompetenti sono il 30%. Mentre i competenti in materia rappresentano, il 32% e gli esperti, solo il 17%. Da notare come tutte le indagini internazionali considerino la conoscenza di finanza e risparmio, quale elemento predittivo della futura collocazione lavorativa e, quindi del livello reddituale di un giovane.

Educazione finanziaria e giovani – La corretta conoscenza degli strumenti di base della finanza e risparmio coinvolgono già oggi la vita di ogni studente: dall’apertura di un conto bancario, l’utilizzo della moneta elettronica, fino alla gestione del proprio risparmio. Infatti, il 35% degli studenti italiani sopra i 15 anni è titolare di un conto corrente e il 37% di una carta prepagata (indagine europea PISA di OCSE 2019). In questa rilevazione i giovani italiani dimostrano anche scarse capacità nel gestire i soldi: 1 su 5 non sa proprio come si fa. Il punteggio medio in cui si collocano i nostri giovani è infatti di 476 punti, inferiore a quello della media OCSE, che si colloca invece a 505 punti.

My Mind My Investment Academy  – Da tre anni l’associazione opera nel campo dell’educazione finanziaria. Con il suo progetto Academy ha raggiunto più di 500 studenti delle scuole superiori riminesi (licei classici, scientifici, linguistici, istituti tecnici). Il progetto prevede relazioni dei commercialisti di My Mind su cosa sono investimenti e risparmio. Prima degli interventi viene somministrato un questionario che fotografi conoscenza del linguaggio e degli strumenti della finanza. A un mese dall’incontro il questionario viene nuovamente somministrato agli studenti per misurare impatto ed efficacia dell’intervento realizzato. L’analisi del campione riminese mostra come esista uno zoccolo duro del 30% di studenti, uniformemente distribuito tra scuole e negli anni di rilevazione, con sufficienti competenze. Rimane un 70% che ha livelli di conoscenza da appena sufficienti a bassa. Costante in ogni intervento è sempre la risposta a con che frequenza con cui i ragazzi s’informano sulla finanza. Soli 2 su dieci lo fa una volta la settimana. Sempre in due lo fanno una volta ogni 15 giorni, gli altri solo 1 volta al mese.  Il progetto è curato nell’analisi delle risposte e della loro valutazione statistica dal presidente del comitato scientifico di “My Mind My Investment”, Enrico Maria Cervellati, professore di economia dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e professore associato all’Università degli studi Link Campus University – Roma.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.