Quantcast

Gli uffici territoriali del Governo a Rimini ospitano i rappresentanti di Coldiretti

Più informazioni su

Il Palazzo di Via IV Novembre ha ospitato i rappresentanti di Coldiretti per permettere a Prefetto e Associazione, di rimarcare i punti saldi e gli interventi necessari per il comparto agricolo, con rinnovato impegno alla collaborazione che da sempre ne caratterizza i rapporti.

Guido Cardelli Masini Palazzi, Presidente della Federazione Coldiretti di Rimini, ha colto l’occasione per presentare Alessandro Corsini, recentemente incaricato della Direzione e tratteggiare gli importanti passi realizzati negli anni scorsi e le progettualità da mettere in campo.

Il Presidente ha evidenziato l’attuale e rinnovata importanza dell’autonomia alimentare, anche e soprattutto alla luce del conflitto in Ucraina ed il Direttore Corsini ha rimarcato le vittorie fondamentali  di Coldiretti, che rappresentano ad oggi punti fermi rispetto a cui non si intende arretrare: sicurezza alimentare, tracciabilità, necessità di garantire il consumatore. Queste ed altre importanti tematiche tra cui il km0 ed il Made in Italy che l’Associazione non intende porre in secondo piano, neppure alla luce della difficile situazione economica e di approvvigionamento. Ad esempio di ciò si è citato l’eclatante “caso glifosate” contro il quale Coldiretti si è battuta tenacemente e con successo. Giorgio Ricci, Vicedirettore di Coldiretti, ha segnalato inoltre l’importanza dello sblocco del sistema informatico per il rilascio dei nulla osta al lavoro, dei dipendenti extracomunitari.

Il Presidente Cardelli Masini Palazzi, ha evidenziato, in riferimento alla variante della SS16, come il comparto agricolo spesso finisce in secondo piano rispetto ad altri settori. “Le nuove generazioni – ha specificato il Presidente Coldiretti Rimini- si stanno riavvicinando all’agricoltura perché vedono in essa la ‘materia prima’ con la quale ‘plasmare’ lo sviluppo e la crescita del Paese oltre che, ovviamente, uno sbocco lavorativo di sicuro interesse. Questo ‘ritorno alla terra’ – ha proseguito – è stato certamente incentivato anche dall’intensa attività svolta dalla Fondazione Campagna Amica, la Rete creata da Coldiretti per promuovere ed esprimere pienamente il valore e la dignità dell’agricoltura italiana, risorsa indispensabile per la tutela dell’ambiente, del territorio, della sicurezza alimentare, ma anche per salvaguardare le tradizioni locali nonché l’accesso al cibo giusto – quello a KM0 – a un giusto prezzo”.

Il Prefetto dimostrando grande attenzione ai problemi esposti ha esordito confermando lo sblocco del sistema informatico per il rilascio dei nulla osta per il giorno 12 maggio 2022 ed ha assicurato al Direttore Corsini il sostegno, per quanto nelle proprie competenze e conoscenze, alle esigenze del mondo dell’agricoltura.

“Siamo grati al Prefetto Forlenza per il grande interesse e competenza  che ha dimostrato per il settore e per i  problemi che riguardano il mondo agricolo – ha concluso il Presidente Cardelli Masini Palazzi – noi siamo pronti a fare la nostra parte e a collaborare al fine di porre rimedio alle criticità esistenti in sinergia con la Prefettura e, allo stesso tempo, a valorizzare ulteriormente le potenzialità dell’agricoltura locale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.