Cesenatico e altre località della Riviera senza personale aggiuntivo di forze di polizia, Fratelli d’Italia interroga la Regione

Più informazioni su

“C’è grande preoccupazione da parte dei cittadini: in alcune località della Riviera romagnola, a partire da Cesenatico, non è arrivato il contingente di personale aggiuntivo delle forze di polizia. È un grave errore, il territorio chiede sicurezza”. A segnalarlo è Alice Buonguerrieri, vice coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia e responsabile del comprensorio cesenate. Fratelli d’Italia, per tramite dell’Onorevole Galeazzo Bignami, presenterà un’interrogazione in Regione sul tema, chiedendo alla Giunta di “attivarsi presso il ministero dell’Interno perché si provveda con un urgenza all’invio dei rinforzi necessari”.

“Occorre correre subito ai ripari – osserva Buonguerrieri – perché è ormai alle porte il mese di agosto, periodo più intenso per il turismo. A Roma è stato deciso di lasciare sguarnite le nostre località proprio in una stagione in cui la necessità di controlli è più alta: sono al momento chiusi i presidi di polizia di Cesenatico e Cervia, mentre quelli di Bellaria e Riccione sono sprovvisti di personale con un maxi-lavoro che grava sulle spalle degli agenti della Questura di Rimini. Non si può pensare di andare avanti così, per questo chiediamo l’intervento di una Regione che si vanta di essere attenta alle esigenze dei cittadini: ora arriva una richiesta precisa dalla Riviera, servono più sicurezza e controlli”.

Particolare preoccupazione desta il caso di Cesenatico, visto che nell’area di competenza, oltre allo stesso comune di Cesenatico, sono comprese le zone di Gatteo a Mare, San Mauro Mare e Savignano Mare. “Gli agenti – continua Buonguerrieri unitamente ad Emilio Zarrelli, presidente del circolo FDI Cesenatico – sono passati dagli oltre 30 degli anni Novanta ai pochi di oggi, con una progressiva contrazione del periodo di apertura del presidio di polizia. Quest’anno il contingente aggiuntivo non è arrivato nonostante i fondi economici fossero già previsti nella Legge di bilancio. Le forze dell’ordine, oltre all’impegno per il controllo del territorio e alla tutela dell’ordine pubblico, sono chiamate a garantire anche il rispetto delle norme anti-Covid in un periodo in cui l’afflusso turistico è notevole. Quindi lo scenario attuale è inaccettabile, Fratelli d’Italia si sta impegnando per provare a cambiarlo”.

“Il nostro territorio – conclude Emilio Zarrelli – non può essere penalizzato in questo modo. Si trovi una soluzione per il bene dei cittadini. Non c’è altro tempo da perdere”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.