Quantcast

Pd Sant’Ermete e San Martino sollecita Provincia e Comuni di Santarcangelo e Rimini sul tratto di Marecchiese fra Corpolò e il confine il capoluogo

Più informazioni su

Il Circolo Pd di Sant’Ermete e San Martino sollecita Provincia e Comuni di Santarcangelo e Rimini a farsi carico del tratto di Marecchiese fra Corpolò e il confine con la città capoluogo: “È l’unico su cui non si sono fatti interventi di riqualificazione e ci auguriamo nel protocollo d’intesa se ne tenga conto: servono il prolungamento della ciclabile, pensiline e golfi di fermata per il trasporto pubblico, attraversamenti pedonali in sicurezza e una soluzione per l’incrocio semaforico.”

Il completamento della ciclabile lungo la Marecchiese interrotta in quel solo tratto, la realizzazione di attraversamenti pedonali in sicurezza, di pensiline e golfi di fermata per il trasporto pubblico e una soluzione per l’incrocio semaforico con la Trasversale Marecchia: sono le richieste contenute in una nota indirizzata al presidente della Provincia Riziero Santi, alla sindaca Alice Parma e agli assessori di Santarcangelo Pamela Fussi e di Rimini Mattia Morolli, dal circolo Pd “Valerio Guiducci” di Sant’Ermete e San Martino che torna a porre l’attenzione “sul tratto di Marecchiese che va da Corpolò, in direzione mare, fino al confine tra Santarcangelo e Rimini”. Ricordato il recente protocollo per redarre uno studio di fattibilità tecnica ed economica per la messa in sicurezza di tutta la SS 258 stipulato fra la stessa Provincia, Anas e i vari Comuni, il Circolo clementino rileva come “questa porzione di arteria in questione è rimasta uno delle poche in cui nel tempo non sono stati fatti interventi di riqualificazione, nonostante le frazioni di Santarcangelo abbia una densità abitativa elevata e i flussi di veicoli siano molto alti in fatto di traffico pesante e di automobili”.

Da qui, una serie di istanze/sollecitazioni ben precise. Il Circolo chiede infatti: di estendere la pista ciclabile per collegare Corpolò con Rimini permettendo di dare continuità all’infrastruttura che risulta interrotta nel solo tratto indicato; di predisporre le pensiline e, ove possibile golfi di fermata, per le fermate dell’autobus: attualmente i cittadini, soprattutto ragazzi, aspettano infatti i mezzi pubblici sulla strada in mezzo al traffico di individuare e realizzare degli attraversamenti pedonali protetti per permettere di recarsi alle fermate degli autobus, prendendo ad esempio l’attraversamento realizzato davanti alla ditta F.lli Anelli più a sud; di intervenire sull’incrocio, oggi con impianto semaforico, collocato tra la via Marecchiese e la Trasversale Marecchia. Se non è possibile trasformare tale incrocio in una rotonda come i cittadini stanno chiedendo da alcuni decenni per ragioni di spazio insufficiente per una rotatoria si chiede di progettare soluzioni alternative.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.