Rimini. Sottoscritto in Prefettura con le organizzazioni di categoria il nuovo protocollo per la sicurezza delle discoteche

E’ stato sottoscritto in Prefettura a Rimini il nuovo “Protocollo d’intesa territoriale in materia di sicurezza delle discoteche” tra le organizzazioni di categoria, la Prefettura e i Comuni di Rimini, Riccione, Cattolica, Bellaria Igea Marina, Misano Adriatico, Novafeltria e Santarcangelo di Romagna.

Il protocollo, che è attuativo dell’accordo quadro nazionale tra il Ministero dell’Interno e i rappresentanti delle organizzazioni dei gestori di discoteche e dei servizi di controllo delle attività di intrattenimento e spettacolo, assume in questo territorio particolare rilievo, vista l’attrattività nazionale e il richiamo internazionale dei locali da ballo della provincia riminese.

L’accordo prevede, tra l’altro: istituzione, presso la Prefettura di un Albo dei “referenti” per la sicurezza, indicati su base volontaria da ciascun gestore e aventi requisiti predefiniti da un apposito tavolo tecnico; la verifica semestrale sullo stato di attuazione del Protocollo, i cui esiti saranno esaminati in sede di Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica. Attività “in progress” che potrà consentire anche eventuali rimodulazioni, ove l’attuazione dell’intesa rivelasse l’esigenza di situazioni da modificare e/o integrare. Esso si propone quale obiettivo complessivo quello di dare maggiore sicurezza a chi intende divertirsi senza rischiare l’incolumità propria e quella di altre persone.

Con la sottoscrizione, le organizzazioni di categoria si sono impegnate, tra l’altro, a sensibilizzare i gestori dei locali al rispetto e all’osservanza degli obblighi in materia fiscale, contributiva e previdenziale e a collaborare con gli Enti Locali e le Forze dell’Ordine per favorire ogni forma di prevenzione e di contrasto all’uso di sostanze stupefacenti, all’abuso di sostanze alcoliche e, più in generale, a condotte illegali anche attraverso l’installazione di apparecchiature di videosorveglianza.

Gli stessi gestori avranno l’obbligo di dotarsi di un sistema di conteggio delle presenze, anche ai fini di una eventuale comunicazione immediata alle Forze di Polizia o ai Vigili del Fuoco.

“Regole”, quelle oggetto del rinnovato Protocollo, dettate perlopiù dal buon senso civico, ma che possono aiutare a promuovere idonei comportamenti e buone prassi per mirare al conseguimento di livelli di sicurezza sempre più elevati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RiminiNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.