Giovedì 21 Marzo 2019

Mare. Al porto di Riccione arriva il cestino "aspira plastica"

Martedì 12 Marzo 2019 - Riccione

Attivo 24 ore su 24, può "mangiare" fino a 500 chili di rifiuti in un anno

Il Seabin

Aspira i rifiuti plastici dal mare, anche quelli del diametro di due millimetri, e' capace di 'mangiarsi' fino a 500 chili di plastica galleggiante all'anno e pulira' le acque del porto di Riccione. A costo zero per il Comune. Si chiama Seabin ed e' una specie di cestino capace di lavorare 24 ore al giorno, sette giorni su sette, che l'amministrazione ha deciso di calare tra i moli. 

Il Comune ha infatti approvato lo schema di contratto di collaborazione, mediante comodato gratuito, con "Lifegate Consulting and Media spa" per avviare il progetto "Lifegate Plasticless" e contribuire alla pulizia delle acque del porto.

Il Seabin e' dotato di una pompa che aspira e butta fuori acqua, creando un effetto di decompressione all'entrata del cestello, puo' raccogliere anche microplastiche e microfibre invisibili all'occhio umano, senza intralciare le attivita' portuali. "Abbiamo aderito a questo progetto - spiega l'assessore al demanio Andrea Dionigi Palazzi - per la sua connotazione ambientale legato ai temi della sostenibilita', del contrasto all'inquinamento e della sensibilizzazione a stili di vita improntati sul rispetto della qualita' dell'acqua e dell'aria".

Educare al rispetto del mare, aggiunge, "e' una strada condivisa con le associazioni legate al mondo della nautica in ogni sua sfaccettatura". Per questo saranno interessate anche le scuole, gia' coinvolte nelle scorse settimane in iniziative legate all'apprendimento della storia e delle tradizioni marinare, con progetti specifici che hanno coinvolto pescatori, operatori delle associazioni e la stessa pescheria portuale.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it